Ciao Andreas, è stato divertente

Andreas Seppi ha concluso la sua carriera da tennista professionista con la sconfitta contro Yannick Hanfmann al primo turno dello Sparkasse Challenger Val Gardena Sudtirol, a Ortisei. Il 38enne altoatesino ha ceduto
al tedesco in tre set, con il punteggio di 5-7, 6-3, 6-4.

Si conclude così la lunga cavalcata iniziata nel 2002 e che ultimamente lo aveva visto scivolare alla posizione numero 257 del mondo, anche a causa di alcuni problemi fisici.

Seppi ha vinto tre titoli Atp (Eastbourne, Belgrado e Mosca) ma è rimasto sempre a un livello altissimo partecipando al tabellone principale dei tornei dello Slam per 66 volte consecutive, da Wimbledon 2005 all’Australian Open 2022. Una in più persino delle 65 del Maestro Roger Federer, per un dato statistico che lo vede terzo nella storia del tennis dietro soltanto agli spagnoli Feliciano Lopez e Fernando Verdasco. In più, Andreas è stato l’unico italiano a battere lo svizzero negli slam.

«Sicuramente sono stati anni fantastici. Mai avrei pensato di poter giocare a questi livelli fino a 38 anni. Si chiude un capitolo importante della mia vita, ma inizia un altro ancora più bello con la mia famiglia», ha detto Seppi dopo la partita.