WTA Istanbul: Martic stecca l’esordio con coach Schiavone. Fuori anche Pavlyuchenkova, ok Mertens

Comincia male la nuova avventura lavorativa di Francesca Schiavone al fianco di Petra Martic.

La croata da campionessa in carica è stata eliminata al primo turno del WTA 250 di Istanbul e scenderà di diverse posizioni nella classifica che ancora la vedeva al numero 21 del mondo.

Un match nato male, contro Fiona Ferro, dove Martic ha da subito mostrato una discreta fragilità mentale quando aveva mezze occasioni per passare avanti. Il punteggio finale dirà 7-5 6-2 per la numero 57 del mondo, e molto è da rintracciare nella parte centrale del primo set. Sul 2-2 la francese ha avuto il primo turno di battuta delicato, ha concesso le prime palle break, e lì Martic ha evidenziato quelle che sono le difficoltà di questo particolare momento della sua carriera. Timida, insicura. Nei momenti migliori in passato si faceva avanti, cercava di essere protagonista, oggi è una tennista un po’ da riassemblare.

Sulla prima palla break ha appoggiato al centro una risposta di rovescio su cui Ferro si è avventata col dritto, sulla seconda pur dominando lo scambio è messo lunghissimo il dritto d’attacco. Sulla terza la francese ha sprecato tutto, ma il break di ritardo è durato solo pochi secondi perché Martic commetteva due doppi falli in un turno al servizio perso a zero. Di nuovo in risposta è stata avanti, 15-40, e di nuovo non ha saputo cogliere alcuna occasione perdendo quattro punti di fila. Si è salvata sul 4-5, ma sul 5-6 da 30-15 si è complicata la vita. Prima un rovescio colpito male, poi un doppio fallo, e infine un dritto in corridoio dopo uno scambio vissuto con tanta tensione. Da lì il vuoto, con quattro game consecutivi persi e la fine all’ottavo game del secondo set.

Ci sarà da lavorare soprattutto sull’aspetto mentale, perché per quanto riguarda l’idea di tennis Martic e Schiavone potrebbero essere abbastanza in sintonia. Petra non è una iper aggressiva, è una a cui piace scambiare e costruire, le piace andare a rete e variare ritmo con diverse traiettorie usando lo slice di rovescio. Francesca, con uno spirito forte e carismatico e con pochissimi allenamenti effettuati fin qui assieme alla numero 21 WTA, ha davanti una sfida per lei molto probabilmente stimolante.

In giornata sono uscite anche le campionesse di due edizioni precedenti: nella prima parte di giornata Anastasia Pavlyuchenkova era stata battuta nella prosecuzione del match contro la connazionale Anastasia Potapova (7-6 6-7 6-3) mentre Cagla Buyukakcay, vincitrice nel 2016, non è riuscita a completare la piccola impresa personale contro la numero 5 del seeding Barbora Krejcikova. Ieri, invece, la sconfitta dell’unica italiana in tabellone: Sara Errani, 7-5 6-3 contro Ana Konjuh.

Risultati odierni

[1/WC] E. Mertens b. [Q] L. Arruabarrena 6-2 6-0
[3] V. Kudermetova b- B. Pera 6-4 3-6 7-6(4)
A. Bogdan b. N. Hibino 6-3 6-3
[5] B. Krejcikova b. [WC] C. Buyukakcay 6-7(8) 6-2 6-0
M. Kostyuk b. [Q] K. Rakhimova 6-4 6-3
[4] D. Kasatkina b. [Q] T. Mrdeza 6-1 6-0
A. Potapova b. [6] A. Pavlyuchenkova 7-6(2) 6-7(8) 6-4
[WC] V. Zvonareva b. P. Hercog 6-3 6-3
F. Ferro b. [2] P. Martic 7-5 6-2