Roland Garros – incubo Kvitova: due 6-0 subiti da Rogers! Fuori anche Safarova, è disfatta ceca a Parigi

TENNIS – PARIGI – Dal nostro inviato PIERO VASSALLO. Incredibile quanto avvenuto sul campo-2 del Roland Garros, che dopo i momenti di tensione di ieri sera tra Alizé Cornet e Tatjana Maria si conferma teatro di episodi a dir poco surreali.

Petra Kvitova viene eliminata da Shelby Rogers, n.108 del mondo, perdendo due set per 6-0! La partita, conclusasi 6-0 6-7(4) 6-0, poteva anche terminare con più anticipo se la tennista statunitense avesse conservato un vantaggio di 4-2 nel secondo parziale.

Già al primo turno la due volte campionessa di Wimbledon aveva rischiato grosso contro la montenegrina Danka Kovinic, arrivata a due punti dal successo. Il punteggio assurdo con il quale Rogers ha conquistato il successo è l’ennesima dimostrazione di quanto Kvitova sia “instabile”, come già detto in occasione del suo tribolato esordio.

L’americana non era mai andata oltre il terzo turno a Parigi, riesce per la prima volta nell’impresa grazie a una bellissima partita, in cui ha “picchiato” alla grande contro un’avversaria vittima dei suoi soliti vuoti. Per Shelby Rogers – finalista a Rio de Janeiro, quando fu sconfitta dalla nostra Francesca Schiavone – è la seconda vittoria contro una top 10 dopo quella di Montreal 2014 ottenuta battendo Eugenie Bouchard.

Anche in quel caso vittoria nel segno del “bagel”: entrambi i set vinti dalla giocatrice del South Carolina terminarono 6-0, proprio come quest’oggi. Per lei si apre una bella opportunità di arrivare ai quarti di finale, pur partendo sfavorita contro la rumena Begu. Di sicuro tornerà tra le top 100 – al momento sarebbe 79 – e incasserà una cifra importante a fine torneo.

Non va meglio neppure alla finalista del 2015, Lucie Safarova, che si vede la strada sbarrata da Samantha Stosur che coglie la terza vittoria su quattordici incontri giocati. 6-3 6-7 7-5 il punteggio finale che premia la finalista del 2010, agli ottavi ora contro Garbine Muguruza. Il match non ha fatto altro che confermare le difficoltà di Safarova, ancora alla ricerca di se stessa dopo i problemi accusati nella seconda parte del 2015.

La Repubblica Ceca perde così in contemporanea le sue due punte di diamante, a cui si aggiunge l’uscita di scena di Karolina Pliskova avvenuta al primo turno. La sconfitta non avrà gravi ripercussioni sulla classifica di Kvitova – lo scorso anno si fermò agli ottavi – mentre farà precipitare Lucie Safarova che perderà almeno 15 posizioni finendo, se va bene, al numero 28. 

Per la finalista della scorsa edizione però la preoccupazione più importate è ritrovare la continuità e la forma smarrita nel labirinto di problemi fisici degli ultimi mesi. Più difficile capire cosa succede a Petra Kvitova e come possa una giocatrice del suo livello accusare una battuta d’arresto di queste dimensioni.