ATP Acapulco: buon esordio di Djokovic e Nadal

djokovic
djokovic

Il torneo di Acapulco ha fatto le cose per bene e anche se non è riuscito ad avere Roger Federer “si vive lo stesso”. E anche bene, si potrebbe aggiungere, visto che sin dal primo turno gli spettatori dell’Abierto messicano si sono sicuramente divertiti. E il bello deve venire, ma andiamo con ordine.

Dopo che Cilic era riuscito a sfruttare la stanchezza del “guru” Dolgopolov, travolto 6-0 al terzo è stato il turno di Novak Djokovic, che tornava dopo le incertezze della Davis e la sconfitta, che ancora pare incredibile, contro Istomin. Il numero due del mondo non ha certo smaltito tutte le tossine, ma c’è da dire che Martin Klizan non era certo l’avversario più comodo per prendere ritmo. Così Djokovic nel primo set ha rischiato grosso sia nel terzo (soprattutto) che nel quinto game. È stato bravo a cavarsi d’impiccio, anche se Klizan scriverà il libro delle occasioni perdute, a sfruttare la sola opportunità del sesto game e a chiudere 6-3.
Secondo  set che iniziava in discesa per il serbo che però subiva uno dei “momenti Klizan” (o forse uno dei brutti “momenti Djokovic” di questo periodo) e cedeva 4 game di fila. Klizan serviva sul 4 a 2 e invece di assestare il colpo del ko rimetteva in gara Djoko perdendo il servizio a zero. Set (e partita) che si chiudeva al tiebreak, grazie al minibreak dell’ottavo punto. Con del Potro non basterà questo Djokovic.

Non che l’argentino non abbia avuto i suoi problemi, contro il giovanissimo Tiafoe, che sarà campione. Lo statunitense ha mostrato carattere quando ha recuperato un break nel primo set e dopo aver perso ancora il servizio non ha praticamente concesso nessuna opportunità a del Potro.  Ha un po’ tremato nel momento di chiudere il secondo set e poi ha giocato un terzo set perfetto fino al tiebreak. Lì ha mostrato che dovrà un po’ lavorare sull’emotività, perché dopo essere riuscito a piazzare il primo servizio è crollato dando via libera a Palito.

Più semplice la vicenda di Nadal, con Zverev il grande che non ha mai impensierito Rafa quando rispondeva. Lo spagnolo è stato chirurgico e con un break per set è approdato al secondo turno. Affronterà il nostro solito encomiabile Lorenzi, che ha superato Lu al terzo set.

Hanno vinto anche Kyrgios e Thiem e si è ritirato Tomic. Nessuna sorpresa insomma.

Risultati

[1/WC] N. Djokovic b. M. Klizan 6-3 7-6(4)
J.M. del Potro b. [Q] F. Tiafoe 6-4 3-6 7-6(1)
D. Young b. B. Tomic 7-6(5) rit.
[6] N. Kyrgios b. D. Sela 3-6 6-3 6-3
[4] D. Thiem G. Simon 7-6(7) 6-3
S. Querrey b. K. Edmund 6-2 4-6 6-3
[3] M. Cilic b. [WC] A. Dolgopolov 6-3 4-6 6-0
[Q] Y. Nishioka b. [7] J. Sock 3-6 6-2 6-1
P. Lorenzi b. Y. Lu 4-6 6-3 6-4
[2] R. Nadal b. M. Zverev 6-4 6-3