ATP Anversa: Sinner travolge Harris, quinta finale dell’anno

Vittoria decisamente convincente per Jannik Sinner che ha concesso appena 4 game a Lloyd Harris, arrivato in semifinale dopo un torneo più che buono e verosimilmente con più di qualche speranza. Per il sudafricano tutto si è infranto abbastanza presto, perché la differenza oggi tr ai due è sembrata davvero abissale.
Partenza fulminante di Sinner, che approfitta di un rodaggio troppo lungo di Harris per brekakrlo immediatamente, aiutato da un paio di dritti giocati un po’ a casaccio. Sinner è un po’ fortunato nel game successivo ma vola rapidamente sul 4-0, con Harris che pare persino distratto in alcuni frangenti, come nel game finale, quando rimane a fondo campo a guardare un recupero di Sinner invece di seguirlo a rete per chiudere. Troppo facile il 6-2 per l’italiano.
L’andazzo prosegue all’inizio del secondo set, quando Harris annulla solo una delle due palle break concesse a Sinner grazie ad un buon servizio e nella seconda regala un rovescio in corridoio con Jannik in affanno. Col passare dei minuti Harris con tutta evidenza non ci credeva più tanto e finiva col forzare ulteriormente i colpi, cosa che lo mandava fuori giri e che aveva il solo effetto di accelerare la vittoria dell’azzurro. A sorpresa, di Harris forse più degli altri, prima della fine del match arrivavano le sole palle break per il sudafricano, sventate da una buona prima centrale di Sinner, da un terrificante rovescio lungolinea al termine di uno scambio terribile e da ua sciocchezza in palleggio di Harris. Era l’utimo brivido, se così si può dire, prima dell’annunciato 6-2.

Finale che si prospetta interessante sia nel caso arrivasse Schwartzman, contro cui non ha mai giocato, sia arrivasse la sorpresa del torneo, il qualificato Brooksby, superato nell’unico precedente di agosto a Washington con qualche fatica.

Semifinali

[1] J. Sinner b. [7] L. Harris 6-2 6-2
[2] D. Schwartzman vs [Q] J. Brooksby