Caos US Open: Luka Mladenovic va contro l’organizzazione, Mannarino in campo dopo 3 ore

Sviluppi incredibili in corso allo US Open.

Gli organizzatori questa mattina hanno fatto recapitare una lettera agli undici che sono stati messi in isolamento nella “bolla dentro la bolla” perché a stretto contatto con Benoit Paire divenuto positivo al covid-19, che contrariamente alle disposizioni di ieri se sono stati eliminati dal torneo di Flushing Meadows non possono più uscire dalla loro camera fino al termine delle due settimane di isolamento, impossibilitati dunque ad andare ad allenarsi alle strutture che la USTA poteva mettere a disposizione per cominciare a prepararli per la terra battuta.

Chiusi nelle loro camere, anche se negativi, a meno che non siano ancora in gioco in singolare o in doppio. Così è per Adrian Mannarino, che in singolare doveva affrontare Alexander Zverev, o Kristina Mladenovic, che è ancora in gioco in doppio. Il primo, però, dopo oltre due ore non si è ancora presentato in campo per giocare contro il tedesco e sebbene non ci sia ancora alcuna notizia certa la ESPN sta citando “questioni politiche” che coinvolgono lui come i tennisti al momento bloccati nelle loro camere.

È bene ricordare, in ogni caso, che tutti i personaggi coinvolti in questa vicenda hanno accettato volontariamente di viaggiare verso New York per giocare questo torneo consapevoli, almeno così dovrebbe essere, delle conseguenze a cui andavano incontro in caso di problemi e quarantena.

Kristina Mladenovic due giorni fa aveva detto che si sentiva trattata come una criminale perché non era autorizzata a far nulla, adesso suo fratello scrive un tweet molto duro contro l’organizzazione: “Ora vi dico… A noi non può importare nulla di questo US MerdOpen 2020, cancellate le nostre partite. Lasciateci andare a casa. Fateci andare a casa. Non avrei mai pensato di poter twittare questo u giorno. Ma questo è quanto sta realmente accadendo ora”.

Aggiornamento delle 23:20 italiane: Adrian Mannarino, con quasi tre ore di ritardo, è sceso in campo per il suo match contro Alexander Zverev. Non ci sono ancora comunicazioni ufficiali di come mai il match abbia tardato così tanto a cominciare costringendo la sfida tra Shelby Rogers e Madison Brengle, in programma per le 19 di sera a New York sul Louis Armstrong a essere spostato sul campo 17. Si prevede un post partita molto delicato.

(aggiornamenti a breve)