Davis, l’Italia parte fortissima: battuti gli Stati Uniti

L’ItalDavis parte subito fortissimo e nella gara inaugurale del gruppo E supera 2-1 gli Stati Uniti.

La vittoria azzurra porta le firme di Lorenzo Sonego e Jannik Sinner, che mandano in archivio la sfida già dopo i singolari. Il 26enne torinese, davanti al suo pubblico, gioca un grande match contro il gigante americano Reilly Opelka: 6-3 7-6(4) in poco meno di un’ora e mezza di partita. Nel primo set strappa la battuta al rivale al settimo gioco, andando poi a chiudere i conti alla prima chance utile, poi nel secondo viene portato al tie-break dove viene rimontato fino al 5-4 salvo infilare tre punti consecutivi che valgono l’1-0.

A seguire è stata la volta di Sinner, numero uno azzurro dopo il forfait di Berrettini. Il giovane altoatesino, all’esordio assoluto in Davis, è praticamente perfetto e non lascia scampo a John Isner, che in estate lo aveva eliminato in tre set al Masters 1000 di Cincinnati. Sinner impiega stavolta appena 62 minuti per sbarazzarsi dell’americano (6-0 6-2), neutralizzando più volte quello che è il punto di forza del 36enne di Greensboro, il servizio.

In serata il doppio formato da Fabio Fognini e Lorenzo Musetti – quest’ultimo preferito a Simone Bolelli – cede per 7-6(5) 6-2 Rajeev Ram/Jack Sock ma poco male.