Australian Open, Giorgi: “Falsi vaccini anti-covid? C’è chi ha parlato prima di conoscere la situazione”

Ha travolta con un netto 6-0 6-1 la russa Anastasia Pavlyuchenkova nel primo turno dell’Australian Open, ma Camila Giorgi in conferenza stampa ha dovuto fare i conti con le domande in merito alle vaccinazioni e al suo presunto legame con una dottoressa vicentina finita nell’occhio del ciclone.

“C’è chi ha parlato prima di conoscere la situazione. Ci sono delle indagini in corso sulla dottoressa, lei ha avuto problemi con la legge negli ultimi anni. Io ho fatto tutti i miei vaccini, in posti diversi. Quindi il problema è suo non mio. Sono tranquilla, altrimenti non avrei potuto giocare come ho fatto”, le sue dichiarazioni in conferenza stampa riportate da Supertennis.

Alla domanda se avesse utilizzato anche i documenti forniti da quella dottoressa per entrare in Australia ha risposto serenamente: “Certo, altrimenti non sarei qui. Ho sempre fatto tutto quello che era richiesto da Governo australiano, come negli anni passati”. Giorgi ha ammesso di essere stata vaccinata dalla dottoressa accusata di aver emesso certificati falsi “una volta, le altre vaccinazioni le ho ricevute in altri posti”.

La tennista italiana ha negato di conoscere i trascorsi della dottoressa: “Non sapevo che avesse problemi. Io sono a posto, è lei quella che ha problemi con la legge in Italia. Ha fatto il mio nome, è vero. Ma ha fatto i nomi almeno di altre 300 persone…”.