WTA Tallinn: Kontaveit vola, anche Kanepi ai quarti di finale. Si rivede Vekic

Erano mesi che Anett Kontaveit non riusciva a mettere insieme una prestazione così importante.

Non tanto per l’avversaria che aveva di fronte, o il valore del torneo in questione per quanto essere a casa da sempre una buona spinta, ma proprio a livello personale è apparsa la miglior versione dell’estone forse addirittura da febbraio.

La numero 1 del WTA 250 di Tallinn si è imposta 6-2 6-1 contro Tereza Martincova in appena un’ora di gioco, di fronte al proprio pubblico che ha riempito nuovamente ogni posto del palazzetto della capitale estone e che ha già portato il botteghino a essere sold out per questo fine settimana. Volto più atteso di questo storico evento, Kontaveit a inizio anno era stata anche un importante testimonial per la sponsorizzazione del torneo stesso quando la città di Tallinn, insieme alla federtennis locale, cercava l’appoggio del governo per prendere la licenza che era stata lasciata libera dall’addio del torneo del Lussemburgo, tappa storica nel circuito femminile e che ha chiuso i battenti dopo oltre 30 anni.

Tra gennaio e febbraio, soprattutto, i discorsi hanno cominciato a intensificarsi e serviva un accordo per spartirsi i costi di organizzazione di quello che sarebbe diventato il primo evento del circuito maggiore sul suo estone. A inizio febbraio i vertici della federtennis sembravano piuttosto ottimisti, ma il ministro dello sport faceva il punto su un passaggio in particolare: i costi, comunque abbastanza elevati, per una resa che era in quel momento un’incognita. Il torneo sarebbe stato un WTA 250, il livello “più basso”, e c’era da sperare che le due istituzioni del tennis estone, Kontaveit e Kaia Kanepi, fossero disposte a giocare visto che a fine 2021 Anett cominciò la lunga scalata per arrivare alle Finals di Guadalajara giocando e vincendo soprattutto i tornei WTA 500, col rischio dunque di dover privilegiare un evento di maggior valore e ritrovarsi, loro, con un parco giocatrici che, pur incolpevoli, potevano lasciare “freddo” il pubblico locale. Tra l’altro, l’invasione della Russia in Ucraina, lo scoppio della guerra e l’allerta cresciuta a livelli massimi in suolo estone hanno di fatto bloccato tutto fino al punto che i discorsi sembravano finiti in un nulla di fatto. Invece, il tutto è poi ripartito e ora Tallinn, lato sportivo, attende.

Il torneo è giunto ai quarti di finale e sia Kanepi sia Kontaveit sono ancora in gioco. Anett, oggi, ha messo a segno addirittura 37 vincenti e soli 16 errori non forzati. In generale, le condizioni indoor come al solito incidono tanto per una che è specialista di queste condizioni e fino ai quarti di finale a Stoccarda aveva messo assieme addirittura 22 successi consecutivi al chiuso, terza miglior serie WTA dal 1990. Non ci si aspettava, forse, che la sua reazione mentale all’essere di fronte al proprio pubblico fosse così positiva e sorridente. In uno scenario talmente nuovo, invece, è emersa prima dalla complicatissima battaglia contro Xiyu Wang, poi da questa vittoriosa cavalcata e ora davanti a lei ci sarà la qualificata Ysaline Bonaventure, che ha battuto 7-6(8) 6-3 la numero 9 del seeding Jil Teichmann. Kaia, invece, è riuscita a venire a galla di una partita piuttosto tirata contro Ann Li, chiudendo con un doppio 7-5. Nel primo set è stata a due punti dal perderlo (5-4 40-40) e sul 6-5 ha dovuto cancellare una palla del controbreak, nel secondo invece è rientrata da 4-2 e palla del 5-2 per la statunitense e poi dal 15-40 quando serviva per il match. Sarà così lei ad affrontare Karolina Muchova, che oggi ha goduto di un giorno di riposo.

Primi quarti di finale WTA da metà giugno per Donna Vekic, che a inizio giornata si è imposta con un netto 6-2 6-4 contro Shuai Zhang. Risultato un po’ a sorpresa, visto l’ottimo periodo della cinese e qualche difficoltà di troppo per la croata a tornare ad alti livelli dopo l’intervento al ginocchio del marzo 2021. Domani per lei ci sarà la sfida contro Belinda Bencic che, come Muchova, oggi ha potuto godere di una giornata libera da impegni.