US Open, Muguruza dedica la vittoria a Suarez Navarro: “Voglio che sappia le sono vicina”

Garbine Muguruza è tornata in campo dopo sette mesi di pausa con il successo all’esordio dello US Open. Prima dello Slam nordamericano aveva dovuto rinunciare agli eventi di Lexington e Cincinnati per un problema alla caviglia, ora è a Flushing Meadows nel tentativo di replicare l’ottimo risultato dell’Australian Open quando venne fermata soltanto da Sofia Kenin in finale.

Il 6-4 6-4 ai danni di Nao Hibino le ha dato accesso al secondo turno, dove avrà la rientrante Tsvetana Pironkova, ma soprattutto le ha dato la possibilità di dedicare il risultato all’amica Carla Suarez Navarro che poche ore prima del match aveva annunciato pubblicamente di aver ricevuto la notizia di aver contratto un tumore, il linfoma di Hodgkin, e di doversi sottoporre a sei mesi di chemioterapia.

In conferenza stampa le hanno chiesto un commento sulla situazione e Muguruza, come riporta WTA insider, ha risposto: “Quando abbiamo parlato pochi giorni fa e lei mi ha dato questo notizia io ero, credo, shockata perché mi aspettavo di vederla qui in questo torneo. Lei è così una cara ragazza, gentile, umile. Quando accadono queste cose a brave persone mi sento triste. So che stava guardando la mia partita, ne abbiamo parlato un po’. Sicuramente le dedicherò la vittoria, perché voglio che si senta che siamo tutti con lei, che io le sono vicina e appena si potrà vorrò andarla a trovare. Per me, è molto speciale (il nostro rapporto, nda). Noi abbiamo condiviso una decade di emozioni e avvenimenti. È uno shock per me, che qualcuno di così vicino debba subire questo”.