Serena Williams: “Mamma, insegnami ad essere un modello per mia figlia”

"Non so come reagirei se lei dovesse andare incontro a quello che ho attraversato io quando avevo 15 anni, o ancora al giorno d'oggi". Così Serena Williams in una lettera pubblicata su Reddit.

Madre da ormai 20 giorni, Serena Williams ha voluto affidare a redding, il portale di cui il suo compagno Alexis Ohanian è co-fondatore, una lunga lettera rivolta a sua mamma, Oracene. La grande campionessa statunitense racconta le prime gioie, ma soprattutto i primi timori, dell’essere mamma e di vedere già nella piccola Alexis Olympia le sue stesse caratteristiche.

Qui la versione integrale, qui sotto invece vi proponiamo la traduzione.

“Cara mamma,

Tu sei una delle persone più forti che io conosca. Stavo guardando mia figlia (oh mio Dio, è vero, ho una figlia) e lei ha le mie stesse braccia e le mie stesse gambe! Ha la mia stessa forza, i miei stessi muscoli, la mia stessa potenza, delle braccia e un corpo sensazionale. Non so come reagirei se lei dovesse andare incontro a quello che ho attraversato io quando avevo 15 anni, o ancora al giorno d’oggi.

Sono stata chiamata “uomo” perché appaio estremamente forte. È stato detto che ho assunto doping (no, ho sempre avuto troppa integrità per comportarmi in maniera scorretta per prendere un vantaggio). È stato detto che non appartengo allo sport femminile — che dovrei gareggiare tra gli uomini — perché io sembro più forte di tante altre donne (no, semplicemente lavoro molto duramente e sono nata con questo corpo “cazzuto” e sono fiera di questo).

Ma mamma, non sono sicura di come tu abbia fatto a non impazzire di fronte a ogni giornalista, persona, speaker e, detto in maniera diretta, “hater” che è stato troppo ignorante da capire la potenza di una donna di colore. Sono fiera che siamo state in grado di mostrare loro quello che alcune donne possono fare. Non tutte siamo uguali. Siamo formose, forti, muscolari, alte, piccole, giusto per nominare alcune, e abbiamo una cosa in comune: siamo tutte donne fiere!

Tu sei una persona così di classe, io vorrei soltanto poter diventare come te. Ci sto provando, in ogni caso, e Dio non ha ancora terminato il suo disegno su di me. Ho ancora un lungo percorso davanti, ma intanto grazie. Grazie per essere il modello di vita di cui avevo bisogno per sopportare tutte le difficoltà che io ora considero come delle sfide — alcune di queste mi divertono. Spero di poter insegnare alla mia piccola Alexis Ohanian lo stesso ed avere la stessa forza che tu hai mostrato a me.

Promettimi, mamma, che continuerai ad aiutarmi. Non sono sicura di essere mite e forte come sei tu ancora oggi. Spero di esserlo, un giorno. Ti voglio tanto bene cara.

La più giovane delle cinque,

Serena”

Una parentesi finale: “La più giovane delle cinque” si riferisce al fatto che lei, Serena Williams, è la più piccola delle cinque figlie avute da Oracene. Oltre a Venus, infatti, ci sono anche le tre avute dal matrimonio precedente a quello con Richard Williams: Isha Price, Yetunda Price, Lyndrea Price. Sfortunatamente, Yetunda morì nel 2003 coinvolta in una sparatoria a Compton, dove la famiglia di Oracene ha vissuto, luogo notoriamente conosciuto per essere tra i più pericolosi degli interi Stati Uniti d’America.