Ranking ATP/WTA: Sinner raggiunge Berrettini nella top ten! Kontaveit n. 8

Jannik Sinner

Oggi, 1° novembre 2021, è un giorno storico per il tennis italiano. Per la prima volta dal 23 agosto 1973, data in cui fu diramata l’edizione inaugurale del ranking ATP, due azzurri si trovano in contemporanea fra i top ten.

Jannik Sinner, semifinalista (con rimpianti) nel “500” di Vienna, va infatti a fare compagnia a Matteo Berrettini, che nell’élite mondiale figura ormai da due anni ininterrotti. Mentre il romano conferma il proprio settimo posto, l’altoatesino sale due gradini divenendo nono: a lasciargli spazio fra i dieci è l’austriaco Dominic Thiem, ora dodicesimo (- 3).

Sinner è il nostro quinto top ten: in precedenza, oltre a Berrettini, lo erano stati anche Adriano Panatta (primato personale n. 4 nell’agosto 1976), Corrado Barazzutti (n. 7 nell’agosto 1978) e Fabio Fognini (n. 9 nel luglio 2019).

Jannik, inoltre, è ora numero 8 nella Race e dunque virtualmente qualificato per le ATP Finals di Torino. Il vantaggio di cui dispone sui più diretti inseguitori è però minimo: 50 punti su Hubert Hurkacz e 140 su Cameron Norrie. Sarà dunque necessario consolidare la posizione nel Master 1000 di Parigi Bercy.

Fra gli italiani, dopo Berrettini e Sinner troviamo Lorenzo Sonego (27; – 4), Fabio Fognini (37; – 1), Gianluca Mager (66; + 2, career high eguagliato), Lorenzo Musetti (67; 0), Stefano Travaglia (81; + 2) e Marco Cecchinato (92; + 3).

Scivola giusto oltre la soglia dei cento Andreas Seppi (101; – 3). Seguono Salvatore Caruso (139; + 3), Federico Gaio (151; 0) e Alessandro Giannessi (192; + 2).

Tra i venti primato personale per Aslan Karatsev (16; + 3), nonostante l’immediata uscita di scena a San Pietroburgo. In forte ascesa Marin Cilic (28; + 7), che in Russia ha conquistato il titolo, Carlos Alcaraz (35; + 7), semifinalista a Vienna, e Frances Tiafoe (41; + 8), che in Austria si è spinto fino al match clou partendo dalle qualificazioni.

Da registrare anche la costante ascesa del giovane argentino Juan Manuel Cerundolo (85; + 9), finalista nel secondo Challenger di Lima. Bruschi cali per Adrian Mannarino (59; – 9), John Millman (73; – 16), Kevin Anderson (76; – 15) ed Emil Ruusuvuori (82; – 10).

La top ten del ranking WTA vive una mezza rivoluzione. Stabili le prime due (Barty e Sabalenka), Barbora Krejcikova sottrae il gradino più basso del podio alla connazionale Karolina Pliskova.

Dietro a Garbiñe Muguruza, che resta quinta, guadagnano un posto ciascuna Maria Sakkari, sesta, e Ons Jabeur, settima: per entrambe si tratta del record personale.

Il vero boom è però di Anett Kontaveit, che, grazie al titolo conquistato a Cluj (quarto stagionale, tutti da fine agosto in poi), irrompe per la prima volta nell’élite mondiale, direttamente all’ottavo posto (+ 6). L’estone si qualifica inoltre per le WTA Finals.

Alle sue spalle, rientrano fra le top ten l’ex numero uno Angelique Kerber, nona (+ 3) e la polacca Iga Swiatek, decima (+ 1). Subito dietro, migliorano se stesse anche la spagnola Paula Badosa (11; + 2) e la russa Anastasia Pavlyuchenkova (12; + 4): il career high di quest’ultima, n. 13, risaliva addirittura al luglio di dieci anni fa.

Precipitano al di fuori della top ten Naomi Osaka (13; – 3), Elina Svitolina (14; – 8) e Belinda Bencic (17; – 8). Si affaccia tra le venti Jessica Pegula (20; + 1), mentre ne esce Simona Halep (22; – 4): la rumena è preceduta anche dalla campionessa degli US Open Emma Raducanu (21; + 2).

Più in basso, spicca la risalita di Donna Vekic (67; + 30), trionfatrice a Courmayeur. Nel novembre di due anni or sono la croata era n. 19.

Bene anche Rebecca Peterson (81; + 18), semifinalista a Cluj, e Maryna Zanevska (82; + 21), vincitrice della prova ITF da ottantamila dollari di Les Franqueses del Valles, in Spagna.

In forte calo Madison Keys (55; – 9), Saisai Zheng (87; – 10), Danka Kovinic (91; – 15) e Dayana Yastremska (100; – 21).

Fra le italiane, alle spalle della leader Camila Giorgi, che si conferma trentaseiesima, Jasmine Paolini migliora ancora il career high. Grazie alla semifinale raggiunta a Courmayeur, la toscana guadagna cinque posizioni divenendo n. 51.

Oltre il centesimo posto figurano Martina Trevisan (114; – 1), Sara Errani (118; – 1), Lucia Bronzetti (149; – 1), Elisabetta Cocciaretto (153; – 12), Lucrezia Stefanini (184; + 4) e Giulia Gatto Monticone (186; + 7).

I top ten del ranking ATP: 1 Novak Djokovic, 2 Daniil Medvedev, 3 Stefanos Tsitsipas, 4 Alexander Zverev, 5 Rafael Nadal, 6 Andrey Rublev, 7 Matteo Berrettini, 8 Casper Ruud, 9 Jannik Sinner (+ 2), 10 Hubert Hurkacz.

Le top ten del ranking WTA: 1 Ashleigh Barty, 2 Aryna Sabalenka, 3 Barbora Krejcikova (+ 1), 4 Karolina Pliskova (- 1), 5 Garbiñe Muguruza, 6 Maria Sakkari (+ 1), 7 Ons Jabeur (+ 1), 8 Anett Kontaveit (+ 6), 9 Angelique Kerber (+ 3), 10 Iga Swiatek (+ 1).