Ranking ATP/WTA: Svitolina di nuovo top five. Ivashka avvicina i 50

L’ucraina, impostasi a Chicago, strappa la quinta posizione a Sofia Kenin. Il bielorusso, che a Winston-Salem ha conquistato il primo titolo, sale al n. 53

Elina Svitolina

Elina Svitolina rientra nella top five del ranking WTA. Con il piazzamento in semifinale a Chicago l’ucraina aveva già acquisito la certezza di sottrarre la quinta posizione a Sofia Kenin (che non prenderà parte agli US Open causa Covid).

Svitolina non si è fermata lì e ha proseguito il cammino fino al titolo, primo stagionale e sedicesimo in carriera. Il suo record rimane il gradino più basso del podio raggiunto per la prima volta l’11 settembre 2017.

Dal torneo in Illinois escono bene anche la finalista Alizé Cornet (56; + 12) e le semifinaliste Rebecca Peterson (54; + 5) e Varvara Gracheva (82; + 6): per quest’ultima si tratta del career high.

L’altro evento della settimana, in programma a Cleveland, ha visto il successo di Anett Kontaveit: l’estone risale un paio di gradini ed è ventottesima (il suo record è il n. 14 toccato nell’aprile di due anni fa). Forte balzo in avanti per la finalista Irina-Camelia Begu, ora n. 63 (+ 11). Bene anche la bielorussa Aliaksandra Sanovich (90; + 9), fermatasi ai quarti.

La leader azzurra Camila Giorgi si conferma trentaseiesima. Alle spalle della marchigiana troviamo Jasmine Paolini (99; – 1), Martina Trevisan (106; – 1), Sara Errani (112; 0), Elisabetta Cocciaretto (121; 0), Lucia Bronzetti (172; 0) e Giulia Gatto Monticone (200; 0).

Nulla cambia nei piani alti del ranking ATP. I movimenti principali riguardano giocatori oltre la top 50, su tutti il + 10 di Ilya Ivashka, che a Winston-Salem ha alzato il primo trofeo nel circuito maggiore. Il bielorusso, tornato fra i cento solo a inizio maggio dopo avervi figurato tra agosto 2018 e marzo 2019, diviene n. 53, suo career high.

Primato personale anche per il finlandese Emil Ruusuvuori (66; + 10), spintosi al penultimo atto. Ci va vicino il finalista Mikael Ymer (72; + 18): lo svedese è stato n. 67 nel marzo 2020.

Stabili i migliori italiani: Matteo Berrettini ottavo, Jannik Sinner sedicesimo, Lorenzo Sonego ventitreesimo. Seguono Fabio Fognini (31; + 1), Lorenzo Musetti (60; – 2), Gianluca Mager (71; – 1), Marco Cecchinato (81; – 1), Andreas Seppi (89; – 1) e Stefano Travaglia (100; 0).

Entro la duecentesima posizione figurano inoltre Salvatore Caruso (113; 0), Federico Gaio (159; 0), Alessandro Giannessi (171; 0) e Paolo Lorenzi (187; + 1). Quest’ultimo ha annunciato il ritiro dopo aver raggiunto il secondo turno nelle qualificazioni degli US Open. Per lui una carriera lunga e ricca di soddisfazioni, con gli apici costituiti dal titolo ATP a Kitzbühel nel 2016 e dal n. 33 del ranking toccato nel maggio 2017.

I top ten del ranking ATP: 1 Novak Djokovic, 2 Daniil Medvedev, 3 Stefanos Tsitsipas, 4 Alexander Zverev, 5 Rafael Nadal, 6 Dominic Thiem, 7 Andrey Rublev, 8 Matteo Berrettini, 9 Roger Federer, 10 Denis Shapovalov.

Le top ten del ranking WTA: 1 Ashleigh Barty, 2 Aryna Sabalenka, 3 Naomi Osaka, 4 Karolina Pliskova, 5 Elina Svitolina (+ 1), 6 Sofia Kenin (- 1), 7 Bianca Andreescu, 8 Iga Swiatek, 9 Barbora Krejcikova, 10 Garbiñe Muguruza.