Federer umiliato da Hurkacz: è la sua ultima partita a Wimbledon?

Bruttissima sconfitta per Roger Federer nei quarti di finale di Wimbledon. Lo svizzero è stato sconfitto in tre set (6-3 7-6 6-0) dal polacco Hubert Hurkacz. Federer non aveva mai preso un 6-0 a Wimbledon.

Un’umiliazione per il quasi quarantenne, che ha vinto a Londra per ben otto volte. E’ la sua ultima apparizione ai Championships?

Segnatevi le 18.10 del 7 luglio 2021, ora di Greenwich, perché nel sobborgo di Londra facente parte del municipio di Merton, il re è finito. Inutile a questo punto continuare a farsi illusioni, perché non è tanto il punteggio, pur se quel 6-0 resterà impresso nell’animo di Roger Federer forse persino di più di quei due match point con il quale si era congedato dagli anni ’10, quanto l’impietoso modo di muoversi, “da numero 700 del mondo” per usare le sue parole. Parole sagge a cui non hanno fatto seguito comportamenti conseguenti, perché per quanto lo sport ci abitui sempre a clamorose sorprese in genere se scende in campo contro uno dei primi 20 il numero 700 perde male. Anche se si chiama Roger Federer. Federer ha capito nel tiebreak, che solo un paio d’anni fa avrebbe vinto senza nemmeno sudare, che non era più cosa e per quanto l’orgoglio avrà picchiato duro, non poteva proprio chiedere di più ad un corpo ormai finito. Roger Federer lascia Wimbledon da top10, ma nessuno si sognerebbe di pensare che lo svizzero sia in grado di fare chissà cosa. C’è attesa per le sue parole, certo. Ma un tempo non lontano c’era attesa per le sue partite.

Fermate gli orologi dunque, ma per fortuna Roger Federer, il più straordinario giocatore che abbia mai calcato un campo da tennis non è morto, ha solo smesso di giocare. Non è poi così grave.