Ranking ATP/WTA: Djokovic eguaglia Federer. Swiatek n. 15

Il serbo arriva alla settimana numero 310 da numero uno, un record condiviso con il fuoriclasse di Basilea. La polacca, vincitrice ad Adelaide, entra per la prima volta fra le top 15

Novak Djokovic

Novak Djokovic come Roger Federer. Almeno quanto a settimane in vetta al ranking ATP. Il serbo tocca oggi quota 310, eguagliando il record dell’elvetico, in attesa di sorpassarlo lunedì prossimo.

Djokovic si issò per la prima volta in cima alla classifica il 4 luglio 2011, all’indomani del suo centro numero uno a Wimbledon. Vi rimase senza interruzioni fino all’8 luglio di un anno dopo (53 settimane), per tornarvi dal successivo 5 novembre fino al 6 ottobre 2013 (48 settimane). È stato poi leader per ben 122 settimane di fila (dal 7 luglio 2014 al 6 novembre 2016).

Dopo una serie di regni targati Murray, Nadal e Federer, Nole ha guardato di nuovo tutti dall’alto dal 5 novembre 2018 al 3 novembre 2019 (52 settimane) e dal 3 febbraio 2020 a oggi.

La sua permanenza sul trono sarebbe ancor più consistente se fosse considerato il periodo dal 16 marzo al 23 agosto dell’anno scorso, di cui non si tiene conto nelle statistiche a causa dello stop al circuito per la pandemia.

Nella speciale graduatoria dei sovrani più longevi dell’epoca computerizzata (dall’agosto 1973), dietro a Federer e Djokovic troviamo Pete Sampras (286), Ivan Lendl (270) e Jimmy Connors (268). Più staccato Rafa Nadal (209).

Immobili i top ten, David Goffin, vincitore a Montpellier, scavalca Milos Raonic, facendo sua la quattordicesima posizione. Più consistente il balzo compiuto da Alexei Popyrin, che a Singapore ha conquistato il suo primo titolo: l’australiano mette a segno un bel + 32 divenendo ottantaduesimo, nuovo career high. Clamoroso il + 154 di Juan Manuel Cerundolo, che ha sbancato Cordoba: il mancino di Buenos Aires è ora n. 181.

Stabili i migliori italiani: Matteo Berrettini decimo, Fabio Fognini diciottesimo, Jannik Sinner trentaquattresimo. Lorenzo Sonego, spintosi nei quarti in Francia, sale al trentacinquesimo posto (+ 1). Seguono Stefano Travaglia (63; 0), Salvatore Caruso (79; – 2) e Marco Cecchinato (89; – 2).

Scivola oltre la centesima posizione Gianluca Mager (101; – 2). Alle sue spalle troviamo Andreas Seppi (107; – 1), Lorenzo Musetti (116; – 1), Federico Gaio (138; – 5), Paolo Lorenzi (158; – 3), Lorenzo Giustino (160; – 2), Alessandro Giannessi (163; 0), Thomas Fabbiano (178; – 1) e Roberto Marcora (191; 0).

Anche nella classifica WTA non si registra alcuna variazione fra le prime dieci. Poco più in basso Iga Swiatek, impostasi ad Adelaide, sale tre gradini divenendo quindicesima, suo primato personale. Finora la giovane polacca non era mai andata oltre il n. 17, raggiunto lo scorso ottobre dopo il sorprendente titolo al Roland Garros.

Best ranking anche per l’emergente Cori Gauff, che nello stesso torneo è giunta in semifinale partendo dalle qualificazioni: la statunitense è trentottesima (+ 14).

Tra le azzurre guida sempre Camila Giorgi (81; – 1), che precede Martina Trevisan (90; 0) e Jasmine Paolini (98; + 1). Seguono Sara Errani (106; 0), Elisabetta Cocciaretto (133; – 1), Giulia Gatto Monticone (170; 0) e Martina Di Giuseppe (196; – 1).

I top ten del ranking ATP: 1 Novak Djokovic, 2 Rafael Nadal, 3 Daniil Medvedev, 4 Dominic Thiem, 5 Roger Federer, 6 Stefanos Tsitsipas, 7 Alexander Zverev, 8 Andrey Rublev, 9 Diego Schwartzman, 10 Matteo Berrettini.

Le top ten del ranking WTA: 1 Ashleigh Barty, 2 Naomi Osaka, 3 Simona Halep, 4 Sofia Kenin, 5 Elina Svitolina, 6 Karolina Pliskova, 7 Serena Williams, 8 Aryna Sabalenka, 9 Bianca Andreescu, 10 Petra Kvitova.