Wawrinka: “Contro Murray sarà diverso. L’anno scorso era imbattibile”

Immagino tu non avresti mai immaginato questo punteggio quando sei entrato in campo, visto che il tuo avversario stava giocando molto bene…
Sì decisamente non me lo aspettavo ma mi sentivo in fiducia. Sapevo che stava giocando bene fin dall’inizio del torneo ma anche io avevo fiducia nel mio gioco per come sto giocando in questo Slam. Penso di star giocando bene e di sapere come poterlo battere. Oggi è stata la partita perfetta per me: sono stato concentrato fin dall’inizio e ho creato un buon gioco. Sono davvero contento della mia prestazione.

Sarà una ripetizione della semifinale dell’anno scorso. Cosa è cambiato rispetto allo scorso anno nel tuo gioco? Ti aspetti un risultato diverso?
Beh mi aspetto decisamente un differente risultato. Sarà un match davvero interessante. L’anno scorso stavo giocando bene, ero in confidenza col mio gioco ma lui stava giocando semplicemente meglio di me. Faceva un gioco aggressivo e spingeva qualsiasi palla e per me è stato difficile trovare soluzioni. Ma quest’anno è diverso. Lui sta soffrendo un po’ da inizio stagione anche se comunque è in semifinale. Campioni come lui trovano sempre un modo di vincere le partite e raggiungere questi traguardi e man mano giocano sempre meglio. Quindi mi aspetto che giochi il suo miglior tennis. Ma da quando ho vinto il torneo di Ginevra mi sento molto in fiducia e sto giocando davvero bene. Oggi ne è un perfetto esempio. Ho preso qualsiasi palla e sono davvero felice di essere nuovamente in semifinale.

Hai detto che non ti aspettavi il punteggio di oggi. Ma ti saresti aspettato il 6-0 rifilato da Thiem a Djokovic? Cosa ne pensi?
No decisamente. Nessuno si aspettava che Djokovic prendesse 6-0 nel terzo set. Io ho visto in parte il primo set. Lui ha avuto qualche chance di vincerlo e prendere più fiducia pian pianino ma il fatto che Thiem abbia vinto il primo e sia diventato più sicuro coi colpi ha ucciso la partita. Cos’altro posso dire…Novak sta cercando di ritrovare il suo tennis, sta combattendo per questo. Non ha ancora trovato la sua via ma tutti noi speriamo lo faccia presto perché è un campione. E’ sempre bello vederlo giocare bene.

Ovviamente ricordi la partita dell’anno scorso con Murray. Ti dà una motivazione extra giocare un match con un giocatore contro cui hai perso o il contrario?
Non penso di aver bisogno di una motivazione in più. Quando arrivi in semifinale è questa la tua motivazione. Per me non cambia nulla aver giocato l’anno scorso ed aver perso. Questa è una nuova partita, un nuovo anno. Ed abbiamo visto quanto sia diversa questa stagione dalla precedente. La scorsa settimana abbiamo avuto risultati diversi quindi sarà una bella partita. È sempre una sfida giocare contro il numero uno del mondo.

Appari davvero forte nei momenti chiave, quando c’è un break point a favore o contro di te. Come spieghi tutto ciò?
Penso sia perché sono in fiducia e mentalmente sono molto forte. Tutto questo viene da molta preparazione. Ho lavorato molto per costruire la fiducia nel mio gioco. Ho lavorato sodo per il servizio e quando entro in campo so che lo posso fare. E poi anche il fatto che dietro di me ho dei buoni successi, l’aver vinto degli Slam aiuta.

Domani è il compleanno di Timea. Nella scorsa intervista lei ha detto cose davvero belle su di te, che la ispiri. Cosa ti senti di dire di lei?
Beh innanzitutto voglio augurarle buona fortuna per domani. Credo si possa fare il miglior regalo per il suo compleanno vincendo il match. Quello che ha fatto nella sua carriera è fantastico. Per un attimo si è fermata e ha deciso di fare qualcos’altro e poi è tornata con ancora più passione. E’ una bella storia e spero davvero riesca a raggiungere la finale.

Vi vedete alcune volte al French Open? Vi parlate?
Sì abbastanza spesso devo dire. Quest’anno meno perché non giocavamo negli stessi giorni ma ci vediamo nel circuito e ci parliamo e credo ci piacciamo.

Se dovessi scegliere tra un’altra vittoria qui e la vittoria a Wimbledon cosa sceglieresti? Quale sarebbe la più importante?
Sai una cosa? Non è che puoi semplicemente scegliere di vincere un Grand Slam. Devi davvero lavorare duro e questa è la sfida. Guarda solo ora: devo battere Murray e poi forse Rafa? Cerco di fare davvero il possibile per fare il Grand Slam e sperabilmente un giorno potrò vincere un altro Slam. Di nuovo, se dovessi scegliere uno o l’altro sai sarei contento per entrambi. Onestamente uno o l’altro per me valgono ugualmente.