Subito insidie per Djokovic, Nadal trova Alcaraz dalla sua parte, buon tabellone per Sinner

Continua l’anno complicato di Novak Djokovic, anche se stavolta i problemi sono di carattere tennistico. Il serbo numero 1 del mondo, sbatacchiato da Rublev nella finale di casa sua, ha avuto in regalo un tabellone molto duro, tanto da far dubitare che si potrà davvero vedere la semifinale con Rafa Nadal, come vorrebbe il ranking. Djokovic, dopo il bye del primo turno, affronterà subito quasi sicuramente Gael Monfils, anche se va ricordato che il francese non gioca da più di un mese ed è all’esordio sulla terra rossa. Dovesse andar bene ci sarebbe probabilmente Shapovalov, anche se il canadese dovrà prima superare il vincente di un match tanto affascinante quanto pieno di nostalgia, quello tra Andy Murray e Dominic Thiem, che pare non ruscire a trovare una condizione decente. Infine, negli ipotetici quarti, Djokovic troverebbe uno tra Hurkacz, Ruud e Davidovich Fokina, che l’aveva battuto a Monte Carlo. Insomma, dovesse cavarsela significherebbe che il peggio è passato.

Da qui a vincere il torneo ce ne corre, perchè in semifinale non è detto che troverebbe Nadal, visto che il leader della race – anche lui all’esordio sulla terra rossa dopo l’infortunio di Indian Wells – è stato più fortunato nei primi turni ma in cambio ha avuto il quarto di finale più duro che si potesse avere, quell contro Carlos Alcaraz, che ormai pare impossibile da fermare. Prima di dare la rivincita a quello che sembra scontato ne prenderà il posto, Rafa dovrà vedersela con uno tra Bublik e Kecmanovic e poi quasi sicuramente con Carreno Busta, niente di troppo complicato per un Nadal in condizioni accettabili.
Alcaraz potrebbe, almeno speriamo ma insomma, incontrare qualche problemino contro Fognini, posto che il ligure riesca a superare Basilashvili, e Norrie, ma a questo punto sarebbe clamoroso se non arrivasse ai quarti.

Nella metà bassa del tabellone la semifinale prevista dovrebbe essere la stessa di Monte Carlo, quella tra Tsitsipas e Zverev. Ma il tedesco, che è il detentore del torneo, è entrato in una fase di grande confusione, ha subito una sconfitta molto pesante contro Rune al primo turno del torneo di casa e Ramos e Korda, i primi due che dovrebbe affrontare a Madrid, sembrano fatti apposti per aumentare i dubbi nella testa di Zverev. Ai quarti potrebbe trovare Sinner, che ha due turni abbordabili, anche se de Minaur è stato ad un passo dal battere Alcaraz a Barcellona, prima di incrociare, forse, Auger Aliassime.

Più difficile il quarto di Tsitsipas, perché dalle parti del greco è capitato Rublev, reduce dal successo molto convincente di Belgrado, e Schwartzman potrebbe di nuovo impegnarlo severamente come a Monte Carlo. Per Rublev arrivare ai quarti non dovrebbe invece essere un problema, anche se ovviamente sarebbe bello che Sonego ci smentisse. A proposito di italiani: ai tre citati – Siner, Fognini e Sonego, speriamo si aggiunga Musetti, che farà le qualificazioni ed esordirà contro Nishioka. Se va bene poi c’è Cerundolo, semifinalista a Miami. Il rinascimento italiano sembra già in difficoltà.

Probabili ottavi

[1] N. Djokovic (G. Monfils) vs [14] D. Shapovalov (D. Thiem, A. Murray)
[12] H. Hurkacz (A. Davidovic Fokina) vs [5] C. Ruud (R. Bautista Agut)
[3] R. Nadal vs [16] P. Carreno Busta
[9] C. Norrie vs [7] C. Alcaraz
[5] A. Rublev vs [11] T. Fritz
[13] D. Schwartzman (G. Dimitrov) vs [4] S. Tsitsipas
[8] F. Auger Aliassime (F. Tiafoe, C. Garin) vs [10] J. Sinner (A. de Minaur)
[15] R. OPelka (S. Korda) vs [2] A. Zverev