Djokovic shock a Monte Carlo: eliminato all’esordio da Davidovich Fokina

A. Davidovich Fokina b. [1] N. Djokovic 6-3 6-7(5) 6-1

Il Masters 1000 di Monte Carlo perde subito il numero 1 del mondo: Novak Djokovic, appena al secondo torneo della sua strana stagione, viene eliminato dallo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina in due ore e 54 minuti. Il numero 46 del mondo si impone 6-3 6-7(5) 6-1 qualificandosi per gli ottavi e ottiene la vittoria più importante della sua carriera. Presentatosi sui campi del Country Club con tanti allenamenti ma appena tre partite giocate negli ultimi cinque mesi, Djokovic paga i pochi match nelle gambe. Lento e insolitamente falloso, il serbo viene travolto dall’inizio spumeggiante di Davidovich Fokina, bravo ad approfittare della versione opaca del numero 1 e a portarsi avanti di due break nel primo set. Djokovic reagisce di nervi ma riesce a recuperare solo uno dei due break e lo spagnolo può archiviare il primo parziale. La situazione non migliora nel secondo set e il serbo va sotto 3-0 con palla del 4-0 per l’avversario. Con l’acqua alla gola Djokovic fa vedere sprazzi del suo miglior tennis, recupera il break ma si incarta nuovamente permettendo a Davidovich Fokina di portarsi sul 4-2.

La partita si infarcisce di errori da una parte e dall’altra, Djokovic gioca male ma lo spagnolo fa e disfa. Si arriva al tie break, anche questo incerto e combattuto, a spuntarla è il 20 volte campione Slam grazie a un passante dei suoi. Inizia il terzo set e a mettere la testa avanti è di nuovo Davidovich Fokina: Djokovic perde il servizio, ha un’occasione per recuperare il break ma non la sfrutta. La partita del serbo di fatto finisce lì, senza più energie fisiche e forse neanche mentali. Lo spagnolo scappa via e chiude al secondo match point. Per Djokovic è una bocciatura che desta qualche preoccupazione e arrivare a metà aprile con appena quattro match giocati non era certo lo scenario che si augurava. L’obiettivo del serbo è presentarsi al top a Parigi per provare a pareggiare i conti Slam con Nadal, ha ancora abbastanza tempo per ritrovare la condizione ma non può più permettersi passi falsi: ha bisogno di giocare tanto per trovare continuità e questo significa iniziare a vincere. Ci proverà subito a Belgrado, nella speranza che l’aria di casa gli faccia bene.

Davidovich invece si apre un varco interessante nella parte alta del tabellone: negli ottavi affronterà uno tra David Goffin e Daniel Evans. Il belga, reduce dal titolo vinto a Marrakech, batte facilmente il qualificato ceco Jiri Lehecka; buona prova anche per il britannico – semifinalista a sorpresa lo scorso anno – che elimina il lucky loser francese Benjamin Bonzi. Rischia il clamoroso ko il vincitore di Indian Wells, Taylor Fritz: lo statunitense si salva in rimonta contro la wild card di casa Lucas Catarina, battuto 6-4 al terzo dopo due ore e 40 minuti. Non si ferma invece l’ascesa del danese Holger Rune, che dopo aver superato le qualificazioni elimina il russo Aslan Karatsev e si regala un secondo turno tutto scandinavo con Casper Ruud. Bene lo spagnolo Pedro Martinez, vincitore sul francese Ugo Humbert. Il serbo Laslo Djere batte in tre set il lucky loser Maxime Cressy e sarà il prossimo avversario di Lorenzo Sonego. Toccherà invece al finlandese Emil Ruusuvuori affrontare Jannik Sinner grazie al successo netto sul tedesco Oscar Otte. Infine passa agli ottavi Grigor Dimitrov: rimontato il finalista dell’edizione del 2019 Dusan Lajovic.

Secondo turno

A. Davidovich Fokina b. [1] N. Djokovic 6-3 6-7(5) 6-1
[3] S. Tsitsipas vs F. Fognini 6-3 6-0
G. Dimitrov b. D. Lajovic 4-6 6-3 6-2

Primo turno

[Q] H. Rune b. A. Karatsev 7-6(1) 4-6 6-3
[WC] D. Goffin b. [Q] J. Lehecka 6-4 6-3
[10] T. Fritz b. [WC] L. Catarina 6-7(6) 7-6(5) 6-4
L. Musetti b. B. Paire 6-2 6-7(4) 6-2
L. Djere b. [LL] M. Cressy 6-4 6-7(7) 6-2
P. Martinez b. U. Humbert 6-4 7-6(5)
[Q] E. Ruusuvuori b. [LL] O. Otte 6-4 6-3
[16] L. Sonego b. I. Ivashka 6-3 6-3
D. Evans b. [LL] B. Bonzi 6-0 7-6(4)