Djokovic ha vinto (per ora): il serbo è libero, il Governo deciderà domani

Il ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke ha deciso di prendersi oltre le 4 ore previste dalla legge per decidere se annullare il visto di Novak Djokovic.

Secondo il quotidiano The Age, che riporta la notizia, ciò vuol dire che il campione serbo è per il momento libero. Il ministro, scrive il quotidiano, non deciderà entro oggi.

“Ha combattuto non solo per se stesso ma per il mondo intero. Novak è con i suoi avvocati nelle aule dei tribunali e sta valutando le diverse opzioni. È stata una grande sconfitta per le autorità australiane e la stanno prendendo male”. Così il fratello di Novak Djokovic, Djordje, ha commentato alla tv serba Prva la vittoria di ‘Nolè nel ricorso contro la cancellazione del visto di ingresso in Australia. Negli atti forniti alla Corte, la positività al Covid-19 del numero 1 del ranking mondiale risale alla sera del 16 dicembre. Secondo i media presenti a Melbourne, ci sarebbero stati degli scontri tra i tifosi del serbo e la polizia.

Nel frattempo, secondo quanto riferisce il sito del quotidiano ‘The Agè, il ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke deciderà nella giornata di domani se annullare il visto di Novak Djokovic, esercitando così un potere personale dopo la vittoria nel ricorso del campione serbo. Il governo ha scelto così di andare oltre le quattro ore a disposizione per prendere la decisione, lasciando così momentaneamente libero Djokovic sul territorio ‘aussiè.