Gavrilova batte Muguruza e dà “il 5” a i tifosi rimasti fino alle 2 del mattino (video)

La partita tra Garbine Muguruza e Daria Gavrilova è stata qualcosa di travolgente. Iniziata pochi minuti prima delle 23, ora di Roma, è terminata alle 2:02 del mattino con l’incredibile successo dell’australiana per 5-7 6-2 7-6(6) dopo aver rimontato da 0-4 15-30 nel terzo set, aver strappato la battuta quando la spagnola serviva sul 6-5 (e mancava un match point commettendo doppio fallo) e rientrava nel tie-break prima da 2-4 poi da 4-5 e servizio per l’avversaria, cancellando un secondo match point (straordinaria, qui, la sua difesa) prima di completare l’opera con l’aiuto del nastro che ha mandato fuori tempo Muguruza sull’ultima voleè.

La gioia di Daria è stata incontenibile nonostante l’ora così tarda nella notte italiana neppure troppo calda come si capisce dagli abbigliamenti delle giocatrici e dei temerari tifosi rimasti. E così, dopo l’esultanza, è corsa a dare il 5 a quasi tutti i tifosi che l’hanno sostenuta fino alla fine e che si stavano sporgendo oltre le vetrate che separano le tribune dal Campo Centrale.

Non è neppure difficile immaginare come mai una come lei a Roma sia così seguita. A Roma ha colto alcuni dei suoi successi più belli, fin dal 2015 quando è arrivata in semifinale perdendo soltanto contro Maria Sharapova in due set tirati. In più è noto il bel legame che lega Gavrilova all’Italia: proprio nel 2015 fece un mese intero di allenamento in Toscana assieme al suo fisioterapista, australiano ma di origini italiane e ha conosciuto diverse tenniste azzurre. Inoltre, negli ultimi anni è stata in vacanza in Sicilia e a Roma, nel 2016, vinse una gran partita contro Simona Halep incitandosi spesso in italiano.

Tutto questo ha creato l’atmosfera migliore per un match pazzo, e che l’ha vista imporsi quando forse nessuno avrebbe più scommesso qualcosa su di lei.