Fed Cup, semifinali: tutto in equilibrio dopo la prima giornata

In parità le due semifinali di Fed Cup: 1-1 tra Bielorussia e Svizzera ed USA-Repubblica Ceca. Francia e Germania sul 2-0, grande equilibrio tra Romania e Gran Bretagna.

WORLD GROUP

semifinali

BIELORUSSIA – SVIZZERA 1-1

Aliaksandra Sasnovich b. Viktorija Golubic 6-3 5-7 7-5
Timea Bacsinszky b. Aryna Sabalenka 6-4 7-5

La Bielorussia ci crede. Le padrone di casa, grazie ancora una volta ad Aliaksandra Sasnovich, riescono a conquistare il punto della speranza ed a tenere in bilico la semifinale con la Svizzera. Quasi tre ore di battaglia per superare una coraggiosissima Viktorija Golubic, che dieci giorni fa veniva triturata sempre sul veloce indoor (di casa, a Biel) da Sasnovich.

Un primo set molto teso ha fatto da “overture” a due parziali successivi molto delicati. Nel primo Golubic era avanti 4-0 ed ha servito per il set sul 5-3 prima di chiudere al dodicesimo game. In quello decisivo invece era avanti 3-1 0-40 prima di essere nuovamente ripresa e poi sorpassata nuovamente sul 5-5 dopo altri game lottatissimi.

Ci ha pensato Timea Bacsinszky a riequilibrare tutto vincendo un’altra partita importante soprattutto per i dubbi che aleggiavano dietro la sua condizione fisica: 6-4 7-5 alla giovane Aryna Sabalenka. Il pugno alzato e l’urlo di gioia sono a sottolineare come se per Sasnovich il punto vinto in precedenza era fondamentale per mettere subito in strada la nazionale sfavorita (sulla carta), quello di Bacsinszky lascia intendere come anche le cosiddette “favorite” non possono permettersi alcun passo falso in questa sfida che domani verrà giocata al meglio delle 3, ancora tutta in perfetto equilibrio.

USA – REPUBBLICA CECA 1-1

CoCo Vandeweghe b. Marketa Vondrousova 6-1 6-4
Shelby Rogers – Katerina Siniakova 6-3 6-3

Si conclude sull’1-1 la semifinale tra USA e Repubblica Ceca, con Katerina Siniakova che risponde presente alla strabiliante prestazione di CoCo Vandeweghe, almeno nel primo set. La numero della formazione di casa ha ammazzato le speranze della giovane Marketa Vondrousova giocando una mezzora in versione “Australian Open”, dove ogni palla che giocava diventava vincente. La diciassettenne ceca nel secondo parziale si è fatta strada, recuperando due volte un break di ritardo ma arrendendosi alla grande giornata della sua avversaria.

Siniakova ha giocato una gran partita contro Rogers, partendo a razzo sul 4-0 con smorzate. Rogers ha cercato la rimonta, arrivando ad avere 3 chance di 4-5 e servizio, ma la sua avversaria ha trovato ottime soluzioni tra cui due ace per recuperare lo svantaggio e chiudere il set sul 6-3. Nel secondo set ha trovato il break decisivo sul 2-2, mantenendosi sempre avanti e senza concedere chance alla statunitense di rientrare. La Repubblica Ceca, pur priva delle sue giocatrici più rappresentative, rimane una nazionale di massimo rispetto.

WORLD GROUP 1

playoff

FRANCIA – SPAGNA 2-0

Kristina Mladenovic b. Silvia Soler Espinosa 6-0 6-1
Pauline Parmentier b. Sara Sorribes Tormo 6-4 6-2

Francia ad un solo punto dal mantenere il posto nel World Group 1, con un rassicurante vantaggio di 20 contro la Spagna priva delle sue giocatrici più rappresentative (Carla Suarez Navarro e Garbine Muguruza). Kristina Mladenovic lascia solo un game a Silvia Soler Espinosa, Pauline Parmentier vince in 2 set contro Sara Sorribes Tormo, che pure conduceva 4-1 e servizio nel primo set. Da lì in avanti la francese ha vinto 11 dei successivi 13 game giocati e dopo le polemiche dei giorni scorsi Yannikh Noah e tutte le sue ragazze possono guardare avanti con molto più ottimismo.

GERMANIA – UCRAINA 2-0

Julia Goerges b. Elina Svitolina 4-6 6-1 6-4
Angelique Kerber b. Lesia Tsurenko 6-1 6-4

Sorprendente risultato a Stoccarda, con la Germania che si trova ad un solo punto dal rimanere nel World Group. Lo scivolone di Elina Svitolina costa molto caro all’Ucraina, che vede ora le sue speranze di recuperare il gruppo principale ridotte al lumicino. Julia Goerges ne ha approfittato per cogliere un successo importantissimo, impreziosito dall’agevole successo di Angelique Kerber, che ha lasciato appena 5 game a Lesia Tsurenko. Domani Kerber aprirà contro Svitolina, cercando non solo il punto che potrebbe chiudere la serie ma anche quel successo contro l’ucraina che manca dal 2015.

RUSSIA – BELGIO 1-1

Elena Vesnina b. Alison Van Uytvanck 6-4 6-4
Elise Mertens b. Anastasia Palvyuchenkova 6-4 6-0

C’è partita tra Russia e Belgio, merito di Elise Mertens che ha portato il punteggio sulla parità dopo la vittoria di Elena Vesnina contro Alison Van Uytvanck. Difficile prevedere un’affermazione ospite così agevole contro una giocatrice come Anastasia Pavlyuchenkova, appena impostasi sul cemento di Monterrey, eppure la numero 66 del mondo ha finito per dominare con un 6-0 nel secondo set in cui ha ceduto in tutto soltanto 4 punti.

SLOVACCHIA – OLANDA 1-1

Jana Cepelova b. Richel Hogenkamp 6-3 6-2
Kiki Bertens b. Rebecca Sramkova 6-1 6-4

L’assenza di Dominika Cibulkova potrebbe risultare determinante, intanto però la Slovacchia si porta sull’1-1 al termine della prima giornata nello spareggio promozione contro l’Olanda. Jana Cepelova, nuova n.1 delle padrone di casa, fa il suo portando a casa un buon successo contro Richel Hogenkamp ma Rebecca Sramkova non ha potuto nulla contro Kiki Bertens, che in Fed Cup ancora una volta è risultata impeccabile. Molto della qualificazione passerà dal terzo singolare tra Cepelova e Bertens.

WORLD GROUP 2

playoff

ITALIA – TAIWAN 2-0

(report)

ROMANIA – GRAN BRETAGNA 1-1

Simona Halep b. Heather Watson 6-4 6-1
Johanna Konta b. Sorana Cirstea 6-2 6-3

Oltre ai gravissimi problemi scatenati da Ilie Nastase, che hanno poi portato alla sospensione per 20 minuti della sfida tra Johanna Konta e Sorana Cirstea col rischio che l’intera sfida venisse chiusa per squalifica, si registrano i successi delle due numero 1 delle relative nazionali. Simona Halep dopo un primo set molto lottato ha preso il largo contro Heather Watson mentre Konta, indietro 3-1 nel secondo set prima della sospensione, al rientro ha vinto 5 game di fila chiudendo l’incontro.

SERBIA – AUSTRALIA 0-2

Ashleigh Barty b. Aleksandra Krunic 6-4 6-3
Daria Gavrilova b. Ivana Jorovic 6-2 6-2

Svantaggio quasi impossibile da recuperare per la Serbia, che in casa si trova sotto 0-2 contro l’Australia, ad un passo dal mantenere la posizione nel World Group 2. È arrivato il tanto atteso primo successo per Daria Gavrilova con la maglia della nazionale australia, che ha fatto seguito all’importante vittoria di Ashleigh Barty. Domani proprio Gavrilova potrebbe chiudere la serie nel primo match contro Krunic.

CANADA – KAZAKISTAN 0-0

Bianca Andreescu – Yulia Putintseva