Berdych: “Cosa è successo nel terzo set? Ho perso di un punto”

L'intervista a Tomas Berdych dopo la sconfitta contro Roger Federer nei quarti di finale del Masters 1000 di Miami: "È stato frustrante, ma questo è il tennis".

Riesci a spiegarci cos’è successo nel terzo set? Sei riuscito a recuperare e a giocartela fino alla fine. Che cosa è successo alla fine del terzo set?
Cosa vuoi sapere esattamente? Cos’è successo? Ho appena perso di un punto. È molto semplice. È molto semplice. Lui ha servito per il match. Non ce l’ha fatta. Io ho avuto un match point, non ce l’ho fatta. Ho avuto il secondo, non ce l’ho fatta. Quindi, che altro dire?

Bene, torniamo al …
Va bene. Abbiamo giocato alcuni dritti, rovesci, alcuni servizi, risposte. Lui l’ha fatto meglio. Mi dispiace non posso avere alcun risposta migliore. Scusate.

Va bene.
Mi dispiace.

Come hai appena detto, è stata una partita molto buona decisa da un solo punto. Che bilancio si può fare di questo trimestre? Non hai giocato tante partite, mi piacerebbe sapere come è il tuo bilancio…
Beh, se guardo l’ultimo torneo ho appena giocato una terribile partita, ho perso pur avendo match point a favore, dopo averne uno contro. Questa è, credo, la bellezza del nostro sport. Si può avere una settimana del genere e poi la settimana successiva le cose possono cambiare. Ho fatto un buon lavoro e penso che semplicemente presentarsi qui è un bene, significa che sto reagendo in fretta, che è importante. Credo che questo sia solo l’inizio. L’inizio dell’anno è stato un po’ difficile per me, ma la stagione è lunga.

Quali aggiustamenti hai fatto dopo il primo set che ti hanno aiutato a sollevare il tuo livello nei due set successivi?
Beh, onestamente, non ho fatto tanto bene sai. Credo che il suo primo set sia stato ancora una volta uno spot per il tennis. Non potevo farci nulla. Qualsiasi cosa facevo non era sufficiente. Stava giocando con me non ho avuto davvero nessuna possibilità nel primo set. Così ho sperato di iniziare bene il secondo cercando di rimanergli attaccato. Questo è quello che è successo. Poi tutto può cambiare e girare. Come ho già detto, è la bellezza di questo sport.

Mentalmente come si fa a recuperare dopo questo match che eri così vicino a vincere?
Beh, posso dire che ho avuto una buona lezione.

Puoi solo parlare di quanto sia frustrante essere così vicino a una grande vittoria e non essere in grado di farcela alla fine?
Sì, lo è. È. Un sacco. Voglio dire, che cosa devo fare? Devo distruggere il tavolo? Si vede quanto sono frustrato. Non lo so. Sì, lo sono. Non è ovviamente qualcosa che si desidera come epilogo del torneo. Ma come ho detto, ho avuto una lezione questa settimana, questo torneo.