Roland Garros, fantastica Giorgi: sono 2 le italiane agli ottavi, Sabalenka travolta

[28] C. Giorgi b. [7] A. Sabalenka 4-6 6-1 6-0

Camila Giorgi è per la prima volta in carriera agli ottavi di finale del Roland Garros e centra quest ottimo risultato con una prestazione quasi perfetta contro Aryna Sabalenka, numero 7 del seeding, a cui ha lasciato solamente un game tra secondo e terzo set.

In uno scontro tra due giocatrici molto simili, era forse prevedibile che la tennista con l’inerzia tra le mani poteva in qualche modo avere la chiave del match, ma il divario che si è creato tra secondo e terzo set racconta tanto: da un lato la giornata speciale vissuta dall’azzurra e dall’altra la conclusione di cinque mesi veramente insufficienti per la top-10 bielorussa.

Abbiamo cominciato con un lungo game al servizio per Giorgi, che riusciva a tenere la testa salvando le prime chance concesse ma sul 3-3 era costretta a cedere il game e poi il parziale. Dal secondo set, però, il match si è radicalmente stravolto. Giorgi ha cominciato a essere subito più efficace, soprattutto il braccio sembrava più sciolto e i piedi si muovevano molto meglio. È stato un cambio abbastanza repentino, perché Sabalenka non ha avuto la stessa incisività al servizio e sullo 0-1 ha perso la battuta, scivolando indietro 0-3 e da lì non si è più ripresa, continuando nel filo di grande negatività di questo periodo.

È vero che vive spesso in bilico, ne fa la sua forza, ma in questi mesi non ha mai avuto continuità e subito tante sconfitte brutte. Aveva già perso contro un’italiana, Jasmine Paolini a Indian Wells. Oggi se possibile ha fatto pure peggio perché per quanto Giorgi aveva un livello veramente alto in questa nuova fase, lei si è proprio smarrita a livello di testa, non riuscendo proprio a credere di poter fare ancora qualcosa. Così è stato molto facile per l’azzurra, che si è esaltata nei vincenti e ha vinto un paio di game molto importanti nel peso specifico.

Così dopo Martina Trevisan abbiamo anche Camila. Lunedì prossimo la maceratese giocherà contro Daria Kasatkina con la russa che ha concesso fin qui solo 10 game ed è tornata agli ottavi di finale a Parigi per la prima volta dal 2018. Davanti a lei la possibilità di tornare ai quarti di uno Slam per la prima volta da Wimbledon 2018 e in un tabellone ormai privo di top-10 (l’unica rimasta è Iga Swiatek, dopo il ritiro di Paula Badosa) ormai ci sono veramente chance per tutte.