16 gennaio 2006: Venus Williams, comincia la “maledizione Pironkova”

La carriera di Tsvetana Pironkova, tennista bulgara che quest anno compirà 30 anni, non è mai stata straordinaria. Il best ranking è appena fuori le prime 30 del mondo (numero 33 dopo Wimbledon 2010), ma ci sono comunque alcune soddisfazioni importanti che la giocatrice di Plovdiv può tenersi stretta.

Il primo è l’essere diventata la prima tennista bulgara a raggiungere la semifinale in un torneo dello Slam, a Wimbledon proprio nel 2010. Il secondo quello di aver vinto il primo (ed unico) torneo in carriera in un torneo di ottimo livello come quello di Sydney nel 2015, quando superò le qualificazioni e trionfò battendo in successione 3 top-10: Sara Errani, Petra Kvitova ed Angelique Kerber. Il terzo, e non meno importante, è quello di essere una sorta di ostacolo invalicabile per Venus Williams.

In quattro confronti diretti disputati, l’unico successo della statunitense risale al torneo di Istanbul del 2005. Da lì, 3 vittorie di fila di Pironkova. La prima è arrivata all’Australian Open 2006, nel match di esordio dello Slam down-under. 2-6 6-0 9-7 è il punteggio finale con cui la bulgara, appena diventata maggiorenne, ottenne il risultato più importante fin lì in carriera contro la numero 10 del seeding prima di perdere al secondo turno dalla statunitense Laura Granville 7-5 6-2.

Gli altri successi sono arrivati a Wimbledon 2010 e 2011, casualmente con lo stesso risultato: 6-3 6-2.