Roland Garros: strada spianata per Nadal

Il Roland Garros è partito ufficialmente lunedì scorso con i primi incontri del torneo di qualificazione ma oggi è entrato nel vivo con il sorteggio di entrambi i tabelloni. Non può certo lamentarsi Rafael Nadal che è capitato in uno spicchio di tabellone molto agevole. Lo spagnolo comincerà contro Alexander Dolgopolov, le cui condizioni sono un mistero, poi dovrà vedersela con Pella o Joao Sousa. Terzo turno che speriamo possa essere contro Seppi, che però ha un esordio molto complicato contro Gasquet. Agli ottavi per Rafa il pericolo potrebbe essere Denis Shapovalov, già battuto a Roma. La testa di serie che presidia il secondo “ottavo” è Kevin Anderson, che sarebbe quindi il “naturale” sfidante dello spagnolo al livello di quarto di finale. Nonostante un buon tabellone e la semifinale di Madrid non è detto che il sudafricano arrivi così lontano, visto che dalle sue parti ci sono Coric, Schwartzman e Kohlschreiber. Per tutti una grandissima opportunità di arrivare lontani in un torneo dello Slam.

Marin Cilic, testa di serie numero 3, è capitato nella parte alta del tabellone. Ma arrivare da Nadal sarà terribilmente complicato e non solo per il possibile quarto contro uno che qui non gioca male, Juan Martin del Potro, ma anche perché ci potrebbe essere da quelle parti Fognini.  Cilic potrebbe avere qualche problema al terzo turno contro Johnson, poi appunto o Fognini, che ha due turni agevoli, o Edmund. Dal canto suo Palito dovrà stare attento ai terraioli. A secondo turno c’è Leonardo Mayer, al terzo Ramos-Vinolas. Agli ottavi dovrebbe esserci uno tra Isner, Berdych e Chardy.

La parte bassa del tabellone è inevitabilmente più interessante. Il primo spicchio, quello che dovrebbe concludersi con Goffin-Dimitrov, non è scontatissimo. Dalla parte del belga c’è Kyrgios, che se mai dovesse star bene potrebbe arrivare almeno a sfidare al terzo turno Carreno-Busta, prima dell’ottavo con Goffin.  Ma meglio stare attenti anche a Robin Haase all’esordio.
Dalla parte di Dimitrov invece è capitato Djokovic, che esordisce contro un qualificato e poi verosimilmente avrà Ferrer. Se dovesse superare anche Bautista agli ottavi dovrebbe avere il bulgaro che se non sta attento potrebbe avere i suoi problemi contro chi sopravvivrà tra Fritz e Verdasco.

Poco fortunato, nell’ultima parte del tabellone, Dominic Thiem, che dovrà vedersela con Tsitsipas a secondo turno e probabilmente con Nishikori al quarto. Potrebbe quindi arrivare stanco all’appuntamento con Zverev, che ha un’autostrada per il suo primo slam da “grande”. Se dovesse incespicare prima dei quarti allora forse il “problema slam” diventerebbe serio per il tedesco.

In chiusura qualche parola sugli italiani. Sperando che arrivi almeno uno tra Bolelli (difficile) e Giannesi (difficilissimo) abbiamo i “soliti” Fognini, Seppi e Lorenzi, accompagnati stavolta da Cecchinato e Berrettini.
Fognini è capitato dalle parti di Cilic (e di Edmund) ed esordirà contro Andujar. Poi avrà Dudi Sela e quindi appunto Edmund. Partita che dalle nostre parti crederanno semplice ma che sarebbe in mano al britannico più che all’italiano. Dovesse farcela avrebbe appunto Cilic.
Per Seppi, come detto, esordio contro Gasquet. Dovesse vincere la strada verso Nadal sarebbe spianata, poi inutile fare astruse previsioni.
In altri tempi avremmo detto che a Lorenzi è andata benissimo. Anderson è abbordabile, come visto persino agli US Open. Adesso Paolo arriva da un periodo un po’ incerto e quindi incrociamo le dita.
Esordio interessante di Cecchinato contro il rumeno Copil, talentuosissimo, che dovrebbe essere facile preda del palermitano. Poi, con i già espressi interrogativi sulla condizione fisica, ci sarà Kyrgios.
Infine Berrettini, al suo secondo Slam, il primo direttamente in tabellone.  L’obiettivo è vincere la prima partita, che giocherà contro un qualificato, cosa che non è necessariamente un vantaggio. Speriamo.

I potenziali quarti di finale

[1] Nadal vs [6] Anderson
[3] Cilic vs [5] Del Potro
[8] Goffin vs [4] Dimitrov
[7] Thiem vs [2] A. Zverev