US Open femminile: tutte le teste di serie nelle prime 20 al terzo turno, è record assoluto

All’Australian Open del 2019 si era registrato un piccolo e significativo traguardo: per la prima volta da Wimbledon 2009, tutte le prime 8 teste di serie erano approdate al terzo turno di uno Slam.

Ora, allo US Open 2021, 20 anni dopo l’introduzione del sistema a 32 teste di serie negli Slam, le donne hanno saputo fare ancora meglio.

Tutte le teste di serie comprese nelle prime 20 sono approdate al terzo turno, fatto mai accaduto da Wimbledon 2001. Sono “solo” 19, perché la numero 13 del seeding Jennifer Brady ha dovuto ritirarsi nelle prime ore del day-1 lo scorso lunedì e non c’è stato modo di ricostruire il seeding (stesso discorso fatto anche per Aljona Ostapenko, numero 27), ma di fatto il dato rimane anche alla luce di come il tabellone femminile in uno Slam tenda sempre a creare buchi e storie con protagoniste inattese fin dalle primissime giornate.

Otto di queste si trovano nella parte alta: Ashleigh Barty (numero 1), Karolina Pliskova (numero 4), Bianca Andreescu (numero 6), Iga Swiatek (numero 7), Petra Kvitova (numero 10), Belinda Bencic (numero 11), Anastasia Pavlyuchenkova (numero 14), Maria Sakkari (numero 17). Le restanti 11 sono invece nella parte bassa: Aryna Sabalenka (numero 2), Naomi Osaka (numero 3), Elina Svitolina (numero 5), Barbora Krejcikova (numero 8), Garbine Muguruza (numero 9), Simona Halep (numero 12), Elise Mertens (numero 15), Angelique Kerber (numero 16), Victoria Azankrea (numero 18), Elena Rybakina (numero 19), Ons Jabeur (numero 20).

Questo filotto è destinato a spezzarsi da subito: Kerber, per esempio, partirà sfavorita contro Sloane Stephens, soltanto una tra Rybakina e Halep e tra Muguruza e Azarenka passerà il turno, come anche Mertens o Jabeur. In alto, invece, rischia Bencic contro Jessica Pegula e Swiatek contro Anett Kontaveit, mentre solo una tra Kvitova e Sakkari avanzerà agli ottavi. Per una volta, però, possiamo citare Gianfranco Mazzoni, storica voce della Formula 1 sulla Rai, quando alla partenza del Gran Premio del Belgio 1998 gli scappò un (corretto, visto che fin lì non ci furono problemi) “tutto regolare fino a questo momento…” che fece ahilui da preludio a uno degli incidenti più rocamboleschi nella storia del mondiale, con 15 vetture coinvolte.