Roland Garros: Djokovic liquida Tsonga ed offre la rivincita a Raonic

TENNIS – Di Giancarlo Di Leva

PARIGI. Un Djokovic molto centrato passeggia contro Tsonga che davanti al suo pubblico non riesce a ripetere le gesta dello scorso anno che lo videro degno semifinalista. E’ la sconfitta più pesante subita dal giocatore transalpino per mano del n.2 del mondo, che affronterà dopodomani nei quarti Milos Raonic per la rivincita dopo lo splendido match disputato a Roma.

Era l’incontro più nobile tra quelli in programma negli ottavi di finale, tra il n.2 e il n.13 del seeding anche se il pronostico alla vigilia era tutto dalla parte del serbo che ha vinto gli ultimi 7 precedenti tra cui gli unici 2 confronti sulla terra risalenti al 2012 a Roma e proprio qui a Parigi. Quest’ultimo fu un incontro entusiasmante conclusi al 5° set in quattro ore e nove minuti con Tsonga che ebbe 4 match point nel tie break del 4° set prima di cedere 6-1 5-7 5-7 7-6 6-1. Entrambi difendevano la semifinale dello scorso anno, anche se Nole ha, come sappiamo, ben altre ambizioni.

Cronaca: si comincia con un solo giocatore in campo. Tsonga sembra aver dimenticato negli spogliatoi l’energia e l’orgoglio che contraddistinguono il suo “stare in campo”. Diokovic, giocando in tutta sicurezza, porta a casa il primo set (6/1) in 26 minuti . Anche 2 anni fa il primo parziale si chiuse 6/1 ma poi ci fu la reazione veemente del francese che questa volta, al di là di una fiammata iniziale alla ripresa del gioco, di fatto non c’è stata; Nole dopo essersi assicurato il break nel 3° gioco è volato in tutta tranquillità fino al 5-2 con il secondo break del set e dopo l’unico passaggio a vuoto che ha consentito a Tsonga di riavvicinarsi fino al 4-5, ha chiuso vincendo a zero il 10° gioco. Il terzo set inizia sulla stessa falsariga del precedente con il serbo che ottiene il break in apertura e continua spedito fino a chiudere il match in un’ora e ventinove minuti.