Azarenka: “Mi distrugge non poter giocare la finale di Fed Cup”

Victoria Azarenka esprime l'enorme dispiacere per non poter essere a Minsk ad aiutare la squadra bielorussa: "Non posso ancora muovermi dalla California, ma proverò a sostenervi in ogni modo".

Victoria Azarenka sarà la grande assente della finale di Fed Cup. Non è una perdita importante solo per l’intera manifestazione, ma soprattutto per la sua Bielorussia che giocherà per la prima volta per vincere il titolo contro una delle nazionali più esperte e titolate della storia della Fed Cup, gli Stati Uniti. Pur privi delle sorelle Williams, la squadra di Kathy Rinaldi avrà i favori del pronostico potendo inoltre contare su CoCo Vandeweghe, neo top-10, e Sloane Stephens che deve ancora vincere un set dal trionfo allo US Open ma sulla carta è superiore alle due singolarità avversarie.

Mancherà la numero 1 del mondo e due volte vincitrice di Slam, che a causa della lotta in corso per l’affidamento del piccolo Leo non può lasciare la California. Si sperava che entro ottobre sarebbe arrivata una sentenza definitiva, ma non è stato così. La bielorussa si dice distrutta dal non avere la possibilità di scendere in campo questo weekend in comunicato apparso sui social network.

“Ciao a tutti,

Come forse avrete visto durante la scorsa settimana, non potrò essere presente nella finale di Fed Cup di quest anno. Mi distrugge non avere la chance di esserci ed aiutare la Bielorussia in finale ma sfortunatamente la battaglia legale sulla custodia del bambino mi tiene bloccata in California. Anche se non potrò essere a Minsk, il mio cuore è sempre con il mio paese e la mia squadra e vi sosterrò anche da qua.

Nonostante sia stato per me un anno molto difficile, voglio già pensare al 2018 e al mio rientro in campo il prima possibile.

Come sempre, voglio rendervi grazie per il supporto che mi date ogni singolo giorno con i vostri messaggi. Tornerò più forte che mai.

Vika”