ATP Vienna: ripescato Fabbiano, Zverev costretto al terzo

Il 500 austriaco ha visto esordire la testa di serie numero uno che si è sbarazzato in tre set di Troicki. Si ritira a sorpresa Dimitrov, per conservare le energie, al suo posto in tabellone Fabbiano.

Comincia bene l’avventura austriaca del baby fenomeno Zverev. Il tedesco si presenta a Vienna per la seconda volta in carriera, la prima era stata nel lontano 2014 quando lui aveva ancora 17 anni e il torneo regalava solo 250 punti al vincitore. In quell’occasione Alexander non superò neanche le qualificazioni.

Adesso si presenta come testa di serie numero uno e favorito al titolo. Il suo primo turno non è stato dei più semplicei. Troicki non è mai riuscito a impensierirlo nel primo set, che è filato via liscio grazie al break, ottenuto dal tedesco, al quarto gioco. Una piccola sbavatura quando serviva per chiudere il parziale al nono gioco sotto forma di palla del contro break, chiaramente non sfruttata dal serbo. Nel secondo però non scappa via il favorito e l’equilibrio regge sino al nono gioco, quando Zverev serve per portarsi 5-5 ma si fa sorprendere concedendo break e set. Nel terzo il tedesco non vuole perdere altro tempo, scappa 3-0, con doppio break di vantaggio, ne perde uno ma è comunque sufficiente a chiudere l’incontro sul 6-4.

Altri quattro match erano in programma ma soltanto due avevano un certo appeal, volendo escludere l’ora e venti minuti di Gulbis in un tabellone principale dallo Us Open a questa parte e la resa in due set di Tomic contro il qualificato Herbert, anzi che l’australiano non si è ritirato in corsa. Un altro match ha avuto come protagonisti Lopez e Gasquet, vittoria per il francese contro un deludente spagnolo, quasi irriconoscibile Feliciano che dovrebbe esaltarsi su questi campi e invece colleziona un misero 49% di prime in campo e 0 palle break a disposizione. Nell’ultimo incontro in programma Philippe Kohlschreiber ha piegato le resistenze di John Isner, l’americano ha sprecato tanto c’è da dire. Break nel primo, si è fatto rimontare ed è andato al tiebreak, da 6-3 ha ceduto cinque punti di fila. Nel secondo aveva nuovamente riallungato sul 4-2, subendo il rientro del tedesco si lasciava andare all’ira spezzando in due la racchetta, ma da quel vantaggio massimo anche nel secondo parziale non ha più ottenuto un game cedendo il set 6-4.

Nell’ordine di gioco di martedì in campo Thomas Fabbiano, entrato in tabellone come Lucky Loser al posto di Dimitrov, affronterà al primo turno quel Dennis Novak che lo aveva eliminato all’ultimo turno di qualificazione. Grisha pare abbia deciso di ritirarsi per ricaricare un po’ le pile in vista del finale di stagione. In campo anche il numero due del seeding, Dominic Thiem, no Fognini che probabilmente giocherà mercoledì.

Risultati:

G. Simon b. [WC] E. Gulbis 6-3 6-3
[Q] P. Herbert b. B. Tomic 7-6(4) 7-5
P. Kohlschreiber b. [5] J. Isner 7-6(6) 6-4
R. Gasquet b. F. Lopez 6-2 6-3
[1] A. Zverev b. V. Troicki 6-3 4-6 6-4