Shapovalov regala a Murray un’altra settimana da numero 1

Nadal aveva bisogno di arrivare in semifinale per scalzare dalla vetta della classifica Andy Murray. Ha un'altra possibilità già la settimana prossima ma rischia di rimanere numero 2.

Nadal non è certo tipo da vendere la pelle dell’orso prima che non si sia sincerato che non respiri ma forse stavolta una speranza di ritornare in vetta al ranking dopo più di tre anni l’aveva coltivata. In fondo gli avversari Shapovalov gli aveva fatto il favore di togliergli del Potro di mezzo e il turno successivo Mannarino non sarebbe certo stato il peggiore ostacolo possibile per festeggiare il ritrovato numero 1. Invece la splendida prestazione del canadese ha rovinato tutti i piani, perché Nadal adesso rischia seriamente di non vederla più quella vetta.

Rafa lunedì avrà 7555 punti, 195 in meno di Murray, che rimane fermo a 7750. Lunedì prossimo comincia il torneo di Cincinnati, Murray perderà 600 punti, la finale dello scorso anno, e Nadal 90, visto che riuscì a superare un solo turno nel torneo nordamericano. Quindi 7465 a 7150 per Rafa, che aggiungerà tutti i punti guadagnati dal secondo turno in poi di Cincinnati. Tutto a posto dunque, basterà avere un po’ di pazienza a Rafa? Come avrete intuito in realtà a questo punto il vero favorito diventa Roger Federer. Lo svizzero ha in questo momento 6725 punti ma è ancora in corsa a Montreal con un tabellone che definire abbordabile è poco. Dovesse vincere il torneo, oltre a superare Nadal in vetta alla Race, chiuderebbe la settimana a 7545 punti, appena 10 meno di Nadal. Ma a differenza dello spagnolo non avrebbe punti da scalare a Cincinnati, il che significa che sarebbe il numero 1 in pectore già da lunedì. Chi va più avanti nel torneo dell’Ohio sarà ovviamente il numero 1 nella classifica del 21 agosto.