Challenger Manerbio: Robredo fa sul serio, oggi tocca a Quinzi

Tommy Robredo in grande spolvero al Challenger di Manerbio, quest'oggi in campo Gianluigi Quinzi e Lorenzo Sonego.

Di Andrea Facchinetti

Tommy Robredo dimostra di fare sul serio nel challenger di Manerbio “Trodeo Dimmidisi” (43000$, terra battuta) che oggi definirà il quadro dei quarti di finale. Il trentacinquenne spagnolo, appena numero 182 del mondo ma con passato da numero 5 nel 2006 a causa di una serie di infortuni, ha concesso appena due giochi (6-1 6-1) al belga Kimmer Koppejans nel match di secondo turno giocato sul campo centrale del circolo di via Luzzago, e sembra seriamente intenzionato a riprendersi quanto il destino gli ha tolto negli ultimi anni. Il 2017 è stato finora avaro di soddisfazioni (una semifinale nel challenger di Milano e un quarto di finale nell’ATP 250 di Marrakesh e poco altro), ma la sua cattiveria agonistica è ancora di quelle che contano. Domani troverà il secondo favorito Adam Pavlasek, impostosi nel derby ceco su Marek Jaloviec per 6-0 6-2, mentre nella parte alta del tabellone continua la sua corsa il pericoloso tedesco Oscar Otte (6-2 6-1 al canadese Steven Diez). Oggi si completa il secondo turno con gli incontri degli unici due italiani rimasti in tabellone ed entrambi sfavoriti: il marchigiano Gianluigi Quinzi affronta lo spagnolo Roberto Carballes Baena, terzo favorito del tabellone, mentre il piemontese Lorenzo Sonego trova il francese Mathias Borgue, testa di serie numero 6. Completano Ojeda Lara (Spa)-Ymer (Sve) e Taberner (Spa)-De Greef (Bel).