Andy Murray non sarà a Cincinnati, addio numero 1

Il numero uno del mondo sceglie di fermarsi ancora e dopo Montreal stessa sorte toccherà al torneo di Cincinnati. Murray così dopo la settimana in Ohio sarà scalzato via dalla vetta del ranking.

Peggio non si poteva chiudere l’avventura di Andy Murray al numero uno del mondo. Il primatista mondiale, dopo aver giocato una prima parte di stagione mai al meglio, ha deciso in seguito al torneo di Wimbledon di non forzare ulteriormente il suo fisico e già a Montreal aveva preso una pausa.

Di qualche ora fa l’annuncio che il britannico non sarà neanche a Cincinnati settimana prossima e così facendo automaticamente non riuscirà in nessun modo a difendere la prima posizione del ranking mondiale. Murray, ricordiamo, ha lamentato un problema alla schiena che sembra continuare a dargli noia al punto che aveva preso in considerazione l’idea di operarsi subito dopo i Championships.

Per il momento Andy sembra comunque intenzionato a non fermarsi e riposarsi semplicemente così potrà presentarsi a Flushing Meadows e provare a onorare l’appuntamento.

Murray proverà a tornare in campo per l’ultimo Slam stagionale, ma la sua prima posizione mondiale non potrà più mantenerla. Troppi punti da difendere visto lo splendido finale di stagione scorso, ma al tempo stesso i due maggiori contendenti alla prima posizione mondiale (Nadal e Federer) non difendevano praticamente nulla.

Già questa settimana in realtà Nadal ottenendo almeno la semifinale a Montreal scavalcherebbe il britannico. Federer però è lì e vista la condizione che lo svizzero ha mantenuto, considerando anche che Nadal ha giocato tutta la primavera, e visto anche che per i prossimi mesi si giocherà sul duro non è da escludere che prima Nadal e poi Federer possano alternarsi nella vetta del ranking prima che si concluda questo 2017.