Federer: “Rafa è ancora una montagna da scalare”

L'intervista a Roger Federer, il secondo finalista del Master di Miami: "Kyrgios cresce, la gente dovrebbe conoscerlo meglio":

Federer
Federer

Vittoria emozionante. Complimenti.
Grazie.

Un’altra finale con Rafa, ma ci arriveremo più avanti, prima parliamo un po’ di Nick. Ti sentivi un po’ a disagio per lui, che aveva il pubblico contro o non pensi a queste cose? 
Credo che le persone dovrebbero conoscerlo, vederlo giocare più spesso, come si sta evolvendo come giocatore e come persona. È il suo secondo, terzo anno nel tour, tornerà spesso. Ha chiaramente un gran gioco; ha uno dei migliori servizi. Mette grande attenzione quando serve. Devo solo attendere un altro po’, migliorare l’attenzione per ogni singolo punto.  Ma hai ragione, la folla salta su abbastanza rapidamente. Ma crea una buona atmosfera quindi alla fine non è così male, penso sia un bene per il gioco.

All’inizio del primo set ha fatto un paio di cose che potevano sembrare irrispettose, ma magari era solo per mostrare di non essere intimidito. Ti ha dato fastidio?
Mi aspettavo che facesse così oggi. Mi aspettavo che facesse trucchetti e tutta quella roba. Quindi sarei stato sorpreso se non lo avesse fatto o non avesse cercato di fare quel tipo di cose. Per me è stato molto importante fare lo stesso, cercare di giocare anche in questo modo e fargli sentire che, beh, è ​​così che io in realtà gioco.
Penso di essere stato in grado di farlo in un paio di occasioni, ma sono anche rimasto concentrato, ho cercato di farlo lavorare duro e sperando gli finisse la benzina, cosa che non è realmente accaduta. Sono molto soddisfatto del mio livello di gioco, abbiamo giocato degli scambi emozionanti. Sì, mi aspettavo tutte queste cose.

Che pedaggio pagherai per queste due partite? Ti prenderai altri sei mesi di pausa?
Non mi fare il malocchio! Io mi sentivo veramente bene questa mattina. Non so se si tratta di una sorpresa o no, ma mi aspettavo di essere più rigido o sentirmi male o qualcosa del genere. Io in realtà mi sono svegliato e mi sentivo alla grande. Per tutta la partita non ho avuto alcun problema, e ora effettivamente mi sento abbastanza bene, e c’è anche un giorno di riposo. Potrei giocare domani ma è decisamente buono. Forse non è un male che la finale non sia più al meglio dei cinque set. Anche se, si sa, sapendo che poi non devo giocare per un po’, è facile accumulare tutta l’energia che hai e dare un’ultima spinta. Ma sarà dura domenica.

Considerando dov’eri l’anno scorso, quanto sarebbe speciale vincere qui dopo Indian Wells, soprattutto contro Rafa?
Non ci ho pensato per essere onesti. Quando sono arrivato a Miami ho solo pensato  “Ahhh, eccoci qui” come ho fatto a Indian Wells e in Australia. Ho solo pensato a giocare perché Miami non sarebbe andata così bene come Indian Wells, perché è più lento. “Ho già vinto Indian Wells, quindi cerchiamo di essere realisti. Arrivare in semifinale sarebbe incredibile”. Qui siamo in finale e ho la possibilità di vincere il torneo. Ancora mi sento come se ci fosse una montagna da scalare con Rafa, ma sarò pronto domenica. Dovrebbe essere davvero emozionante perché abbiamo avuto questo match epico nel 2005. La finale è stata incredibile. È stato un punto di svolta nella mia carriera, per essere onesti. Essere in grado di stare nel match per quattro ore, di combattere punto dopo punto, ho dimostrato a me stesso e alla mia squadra che potevo farlo.
E l’ho fatto contro qualcuno che ha finito per essere il mio più grande rivale. Sicuramente sarà molto speciale giocare con Rafa di nuovo. Sono contento per lui, ci si  sente come ai vecchi tempi. Stiamo giocando un l’altro ogni settimana ora. Spero non sia la nostra ultima partita.

Ci puoi parlare un po ‘circa il rapporto con il tuo allenatore, Ivan Ljubicic, che tipo di allenatore è e ciò che pensi abbia portato nel tuo gioco?
Si, l’anno scorso è stato difficile, si sa. Io mi sentivo piuttosto bene all’inizio dell’anno in l’Australia, ma poi le cose si complicarono. Che cosa fa un allenatore? Ti sostiene nei momenti difficili. Lui è un mio amico, quindi penso che lui mi abbia aiutato a prendere le decisioni giuste e a stare tranquillo, come tutti gli altri della squadra. Ci riuniamo e parliamo del piano successivo. È incredibilmente solidale e mi ricorda che per me i bei tempi sono quelli che stanno per arrivare. In allenamento è molto divertente, è un bravo ragazzo e ha sicuramente tante idee. Gli ho detto di dirmi tutto quello che ha da dirmi per quanto grande fosse la critica, lo pago per questo ed è per questo che è con me. Ha anche una mentalità vincente, vuole vincere ogni singolo punto, ogni singola partita. Sta andando molto bene, quindi sono molto felice.

Hai lasciato il campo dopo il secondo set. Hai avuto un po ‘di tempo per stare a riflettere.
Non proprio. Mi sono solo perché ero inzuppato. Ma era dopo il primo set non il secondo. Nel primo set ero molto più nervoso per qualche motivo. Dopo aver vinto il primo set mi sono rasserenato e ho mantenuto la calma e la fiducia nei miei colpi. Così quando ho perso il secondo mi sono seduto e ho pensato “Ok, nessun problema. Ricominciamo da zero”.