Challenger e ITF: Travaglia fa tris

Stefano Travaglia vince in Spagna il suo terzo ITF del 2017. In Croazia, primo titolo internazionale (nel doppio) per Fabrizio Ornago. A Santa Margherita di Pula, finale per Lorenzo Giustino e semifinale per Jasmine Paolini. Semifinalisti anche Alessandro Bega e Liam Caruana...

I sorrisi azzurri non si arrestano. Per la quarta settimana consecutiva un italiano  porta a casa un titolo ITF: Stefano Travaglia non ha rivali in Spagna e incamera il terzo sigillo del 2017. Timbro italiano anche nel doppio con Fabrizio Ornago, al suo primo titolo internazionale in Croazia. Nel secondo appuntamento di Santa Margherita di Pula, finale per Lorenzo Giustino e semifinale per Jasmine Paolini. Semifinalisti anche Alessandro Bega in Portogallo e Liam Caruana in Grecia.

Stefano Travaglia ha dominato l’ITF di Madrid ($25.000/terra/F9 Spagna), liquidando in finale (6-1 6-2) il tedesco Yannick Maden (263). Le vittorie di Travaglia (260/3): (6-2 6-1) sul brasiliano Bruno Sant’Anna (431) e sulla wild card spagnola Alberto Romero De Avila Senise (743), (7-5 6-4) sul qualificato iberico Juan Lizariturry (831) e (6-3 6-1) in semifinale sull’argentino Pedro Cachin (482). Per il venticinquenne marchigiano è il titolo ITF numero 18, il terzo del 2017 (secondo in Spagna); tutti sulla terra battuta.

Nel tabellone spagnolo c’era anche il rientrante Roberto Marcora (699/ranking protetto) che è subito uscito (2-6 4-6) contro lo spagnolo Marc Giner (343/6).

In Italia, niente bis azzurro nel secondo appuntamento con l’ITF di Santa Margherita di Pula ($25.000/terra/F6). Lorenzo Giustino si è fermato ad un passo dal titolo, con Riccardo Balzerani e Walter Trusendi nei quarti di finale. Eliminato al secondo turno Marco Cecchinato. grande favorito e trionfatore la scorsa settimana.

Giustino (201/3) ha perso al fotofinish (6-7 7-6 5-7) la finale contro il ceco Vaclav Safranek (230/4). Le vittorie di Giustino: (6-2 6-3) sul qualificato Alejandro Artunedo (1243), (6-2 6-3) sull’altro qualificato Luca Prevosto (1446), (7-6 4-6 6-1) su Walter Trusendi (399) e (6-3 6-2) sul greco Stefanos Tsitsipas (204/2) in semifinale. I titoli ITF del venticinquenne campano, alla prima finale stagionale, restano sette.

Il qualificato Balzerani (1058) ha sconfitto (7-5 6-1 e 7-5 6-2) Antonio Massara (611) e l’argentino Juan Pablo Paz (357/8), poi il ko (4-6 2-6) contro Safranek. Il citato Trusendi ha superato (6-0 6-0 e 7-6 6-2) la wild card indiana Sathi Reddy Chirala (1645) e il lucky-loser Giorgio Portaluri (1851).

Hanno superato un turno Salvatore Caruso, Daniele Capecchi, Marco Cecchinato, Riccardo Portaluri, Luca Prevosto. Caruso (237/5) ha domato (6-4 1-6 6-3) l’argentino Andrea Collarini (371), poi il ko (6-7 2-6) contro il francese Maxim Chazal (383). La wild card Capecchi (838) ha regolato (7-5 6-1) lo svizzero Adrien Bossel (555), poi il ko (4-6 5-7) contro il rumeno Adrian Ungur (316/7).

Il grande favorito Cecchinato (174/1) ha lasciato un gioco (6-0 6-1) al qualificato rumeno Bogdan Ionut Apostol (senza ranking), ma è subito inciampato (6-7 5-7) nel croato Viktor Galovic (537). Il citato Portaluri (1851) ha piegato (4-6 6-2 7-6) il polacco Marcin Gawron (647). Il citato Prevosto ha superato il qualificato rumeno Andrei Stefan Apostol (843).

Eliminati al debutto gli altri sei azzurri in tabellone: Andrea Basso, Antonio Campo, Gianluca Di Nicola, Antonio Massara, Jacopo Stefanini e Matteo Viola. Basso (566), finalista la scorsa settimana, ko (4-6 5-7) contro Chazal. Campo (1231) ko (6-3 3-6 4-6) contro Aitor Sanz Llopis (1370) nella sfida tra qualificati. Massara contro Balzerani (vedi quarti di finale). La wild card Di Nicola (665) ko (5-7 2-6) contro Galovic. L’altro invitato Stefanini (643) ko (0-6 4-6) contro Paz. Viola (375) ko (4-6 3-6) contro Ungur.

Nell’ITF di Santa Margherita di Pula ($25.000/terra) al femminile, le migliori italiane sono state Jasmine Paolini (214/5), che ha raggiunto la semifinale dove ha perso (6-1 4-6 2-6) contro la qualificata statunitense Bernarda Pera (323), e Georgia Brescia (309) che è uscita (2-6 7-5 0-6) nei quarti di finale proprio nel derby azzurro.

Le altre vittorie di Paolini: (3-6 6-3 7-5) sulla qualificata Alice Matteucci (476), (6-4 6-4) sulla svizzera Tess Sugnaux (429). Le vittorie di Brescia: (6-2 5-7 6-2) sulla russa Veronika Kudermetova (200/3) e (7-6 7-5) sulla wild card Camilla Rosatello (308).

Secondo turno per Martina Di Giuseppe e Camilla Rosatello. La qualificata Di Giuseppe (364) ha superato (7-6 6-3) la rumena Irina Maria Bara (240), poi il ko (2-6 6-4 0-6) contro la slovena Kaja Juvan (655/in tabellone come Top-junior). La citata Rosatello ha sconfitto (7-5 6-2) l’australiana Olivia Rogowska (230).

Estromesse all’esordio le altre tre italiane in tabellone: la citata Alice Matteucci (ko contro Paolini), Jessica Pieri e Martina Trevisan. La wild card Pieri ko (6-0 2-6 3-6) contro la russa Viktoria Kamenskaya (197/2). Trevisan (225/8) ko (6-7 2-6) contro Pera.

Nel doppio, tre coppie italiane in semifinale: Trusendi/Viola (4) e Giustino/Alessandro Motti (3) nel maschile, Matteucci/Rosatello nel femminile.

Negli altri tornei maschili, si segnalano tre risultati: la semifinale di Alessandro Bega in Portogallo, quella di Liam Caruana in Grecia e il primo titolo in assoluto di Fabrizio Ornago conquistato in doppio.

Nell’ITF di Lisbona ($15.000/terra/F4), Bega (292/2) è stato stoppato (6-7 6-2 3-6) dal portoghese Joao Domingues (297/3). Le vittorie di Bega: (6-4 1-6 6-1) sul qualificato spagnolo Jaime Pulgar Garcia (senza ranking), (4-6 6-1 6-2) sul qualificato portoghese Francisco Cabral (1336), (6-2 7-5) sull’altro lusitano Joao Monteiro (516/8) nei quarti di finale.

Nell’ITF di Heraklion ($15.000/cemento/F4), il qualificato Caruana (1222) si è fermato (6-2 4-6 1-6) al cospetto dello spagnolo Andres Artunedo Martinavarr (459). Le vittorie di Caruana: (6-4 6-1) sullo slovacco Patrik Nema (732), (6-7 6-3 2-0 rit.) sul bielorusso Dzmitry Zhyrmont (361/3) e (6-3 6-2) sull’altro slovacco Alex Molcan (598).

Nell’ITF maschile di Opatija ($15.000/terra/F3 Croazia), Fabrizio Ornago (668) ha festeggiato il primo titolo in carriera. Il ventiquattrenne lombardo ha trionfato in doppio in coppia col tedesco Pascal Meis.

In Portogallo, un turno superato da Lorenzo Frigerio (422/7) che ha sconfitto (6-4 6-3) il portoghese Bernardo Saraiva (860), per poi perdere (6-2 1-6 4-6) contro lo spagnolo David Vega Hernandez (726). Subito out Matteo Trevisan e Gianluca Acquaroli. Trevisan (764) ko (2-6 6-2 4-6) contro il qualificato portoghese Goncalo Falcao (1450). Il qualificato Acqauroli (1995) ko (2-6 6-7) contro il francese Sebastien Boltz (678).

In Grecia, un turno superato da Andrea Vavassori e da Adelchi Virgli. Vavassori (580 ha sconfitto (6-3 6-4) il qualificato canadese Benjamin Sigouin (999), poi il ko (6-4 6-7 3-6) contro il cileno Marcelo Tomas Barrios Vera (457/5). Virgili (544) ha battuto (7-5 6-2) il qualificato britannico Ben Jones (senza ranking), poi il ko (6-7 5-7) contro l’austriaco Lenny Hampel (469/7). Fuori al debutto il qualificato Andrea Bolla (senza ranking) ko (5-7 1-6) contro lo slovacco Alex Molcan (598). Vavassori/Virgili hanno raggiunto la semifinale nel doppio.

In Croazia, un turno superato da Davide Galoppini e da Fabrizio Ornago. Galoppini (645) ha battuto (6-7 7-5 6-3) il ceco Pavel Nejedly (614), poi il ko (6-2 4-6 3-6) contro il montenegrino Ljubomir Celebic (471/5). Ornago (668) ha beneficiato del ritiro (7-5 4-1) del croato Borut Puc (senza ranking), per poi inchinarsi (6-7 1-6) alla wild card croata Mate Delic (586/8).

Eliminati all’esordio Andres Gabriel Ciurletti, Nicola Ghedin e Corrado Summaria. Il qualificato Ciurletti (1323) ko (2-6 2-6) contro Celebic, Ghedin (718) ko (2-6 6-0 4-6) contro il croato Serdarusic (472/6) e l’altro qualificato Summaria ko (4-6 2-6) contro il bosniaco Tomislav Brkic (348/4).

Nel singolare, un turno superato da Davide Galoppini e dallo stesso Ornago. Galoppini (645) ha battuto (6-7 7-5 6-3) il ceco Pavel Nejedly (614), poi il ko (6-2 4-6 3-6) contro il montenegrino Ljubomir Celebic (471/5). Ornago (668) ha beneficiato del ritiro (7-5 4-1) del croato Borut Puc (senza ranking), per poi inchinarsi (6-7 1-6) alla wild card croata Mate Delic (586/8). Ornago ha trionfato in doppio nel doppio in coppia col tedesco Pascal Meis, per il ventiquattrenne lombardo è il primo titolo ITF in assoluto.

Eliminati all’esordio Andres Gabriel Ciurletti, Nicola Ghedin e Corrado Summaria. Il qualificato Ciurletti (1323) ko (2-6 2-6) contro Celebic, Ghedin (718) ko (2-6 6-0 4-6) contro il croato Serdarusic (472/6) e l’altro qualificato Summaria ko (4-6 2-6) contro il bosniaco Tomislav Brkic (348/4).

Negli altri tornei hanno superato il secondo turno solo Francesco Vilardo in Egitto e nell’ITF Sharm El Sheikh ($15.000/cemento/F11 Egitto) e Corinna Dentoni in Portogallo. nell’TF di Obidos ($15.000/cemento/Portogallo).

Nell’ITF di Sharm El Sheikh ($15.000/cemento/F11), Francesco Vilardo (8) ha sconfitto (6-4 6-3 e 7-6 6-4) la wild card paraguayana Bruno Britez (senza ranking) e il ceco David Poljak (683), per poi arrendersi (5-7 1-6) al francese Thomas Brechemier (658). Un turno per Claudio Fortuna (4/468), che ha superato la wild card argentina Gregorio Cordonnier (1455), poi il ko (2-6 3-6) contro Brechemier.

Nell’TF di Obidos ($15.000/cemento), Dentoni (542/8) ha liquidato (6-2 6-0 e 6-2 6-3) l’olandese Erika Vogelsang (740), (6-2 6-3) la spagnola Arabela Fernandez Rabener (751), poi si è arresa (3-6 7-6 5-7) alla qualificata britannica Laura Sainsbury (931).

In Portogallo, un turno per la wild card Jasmin Ladurner (senza ranking), che ha piegato (4-6 7-5 6-3) la wild card portoghese Claudia Cianci (1160) prima di perdere (2-6 4-6) contro la qualificata spagnola Lucia Cortez Llorca (senza ranking). Fuori al debutto Anna Giulia Remondina (511/6) ko (5-7 6-3 6-7) contro Cortez Llorca.

Nell’ITF maschile di Hammamet ($15.000/terra/F12/Tunisia), Alessandro Petrone (740) ha battuto (6-2 6-4) all’esordio l’argentino Juan Ignacio Golarza (515), ma si è subito fermato (2-6 3-6) contro il francese Corentin Denolly (460/8). Niente da fare per Marco Bortolotti (412/5), che ha perso al debutto (5-7 7-5 4-6) contro la wild card marocchina Amine Ahouda (1008).

Nell’ITF femminile di Hammamet ($15.000/terra) Giorgia Marchetti e Giaia Sanesi hanno superato un turno; subito out Federica Arcidiacono, Francesca Bullani e Federica Prati. Marchetti (630) ha sconfitto (1-6 6-3 6-3) l’omanita Fatma Al Nabhani (417/5), poi il ko (3-6 2-6) contro la rumena Oana Gavrila (764). La qualificata Sanesi (732) ha liquidato (6-2 6-3) la statunitense Dasha Ivanova (640), poi il ko (6-7 1-6) contro l’australiano Isabelle Wallace (422/6). Arcidacono (667) ko (3-6 1-6) contro la cilena Fernanda Brito (361/1). La wild card Bullani (senza ranking) ko (6-0 4-6 2-6) contro la russa Maria Marfutina (392/3). La qualificata Prati (821) ko (4-6 1-6) contro Gavrila.

Nell’ITF maschile di Antalya ($15.000/terra/F12 Turchia), il qualificato Federico Maccari (1452) ha passato un turno, regolando (4-6 6-4 6-0) la wild card turca Sefa Suluoglu (1265), poi il ko (2-6 4-6) contro il tedesco Marvin Netuschil (351/3).

Nell’ITF femminile di Sharm El Sheikh ($15.000/cemento/Egitto), subito out le tre azzurre in gara: Costanza Pera, Anna Maria Procacci e Lucrezia Stefanini. La wild card Pera (senza ranking) ko (0-6 3-6) contro l’indiana Natasha Palha (721), la qualificata Anna Maria Procacci (1041) ko (1-6 3-6) contro la slovacca Tereza Mihalikova (490/5), Stefanini (683) ko (3-6 2-6) contro la qualificata cinese Meiling Wang (1094).

Nel circuito Challenger, infine, in campo solo Simone Bolelli a St. Brieuc (€43.000+H/cemento indoor/Francia). Bolelli (508/ranking protetto) ha battuto (6-4 6-3) il tedesco Daniel Brands (209), per poi cedere (7-6 4-6 3-6) al qualificato bielorusso Egor Gerasimov (404).

Gli italiani impegnati in questa settimana, con il terzo appuntamento ITF combined a Santa Margherita di Pula.

Challenger Panama City ($50.000+H/terra/Panama): Andrea Arnaboldi.

Challenger Sophia Antipolis (€64.000+H/terra/Francia): Marco Cecchinato, Federico Gaio, Stefano Napolitano.

ITF Santa Margherita di Pula ($25.000/terra/F7): Filippo Baldi (wild card), Andrea Basso, Raul Brancaccio (qualificato), Salvatore Caruso (4), Gianluca Di Nicola (qualificato), Lorenzo Frigerio, Omar Giacalone, Lorenzo Giustino (2), Pietro Licciardi (qualificato), Gianluca Mager (8/wild card), Antonio Massara, Julian Ocleppo (wild card), Andrea Pellegrino (wild card), Jacopo Stefanini, Walter Trusendi, Matteo Viola.

ITF femminile Santa Margherita di Pula ($25.000/terra): Georgia Brescia, Martina Caregaro (wild card), Alice Matteucci (wild card), Jessica Pieri (wild card), Camilla Rosatello (qualificata).

ITF Hammamet ($15.000/terra/F13 Tunisia): Marco Bortolotti (4), Cristian Carli, Nicola Ghedin, Roberto Marcora, Marco Miceli (qualificato).

ITF Heraklion ($15.000/cemento /F5 Grecia): Liam Caruana (esenzione speciale), Enrcio Dalla Valle (qualificato), Giovanni Fonio (qualificato), Andrea Vavassori (8), Adelchi Virgili (7).

ITF Madrid ($25.000/terra/F10 Spagna): Erik Crepaldi.

ITF Quinta da Marinha Cascais ($15.000/terra/F5 Portogallo): Fabrizio Ornago.

ITF Sharm El Sheikh ($15.000/cemento/F12 Egitto): Jacopo Berrettini (qualificato), Claudio Fortuna (6).

ITF Dijion ($15.000/cemento indoor/Francia): Ludmilla Samsonova.

ITF femminile Hammamet ($15.000/terra/Tunisia): Alice Balducci (4), Federica Arcidiacono, Giorgia Marchetti, Fedrica Prati, Gaia Sanesi.

ITF femminile Sharm El Sheikh ($15.000/cemento/Egitto): Lucrezia Stefanini.

ITF Tucepi ($15.000/terra/Croazia): Miriana Tona.