ATP Montecarlo: Djokovic si salva, rimpianti per un ottimo Simon

A Monte Carlo Novak Djokovic vince un'autentica battaglia contro Gilles Simon, tradito dalla tensione nel finale.

[2] N. Djokovic b. G. Simon 6-3 3-6 7-5

C’è interesse per il ritorno di Djokovic a Monte Carlo dopo la sconfitta subita da Jiri Vesely al primo turno dell’edizione 2016, primo segnale del calo che avrebbe avuto nel resto della stagione continuato con il tentennante avvio di quest’anno. Il serbo ha bisogno di ritrovare la fiducia e la vittoria contro Simon, ottenuta al termine di una battaglia infinita, è il primo passo verso la strada giusta nonostante una prestazione in chiaroscuro in cui il serbo ha alternato passaggi a vuoto a momenti di gioco devastante.

Inizia contratto Djokovic che cede il servizio nel game d’apertura complice una contro smorzata vincente di Simon e tre errori di rovescio in uscita dal servizio del serbo. Il francese lo imita nel game seguente e si riparte con un nulla di fatto. Il gioco prosegue nel rispetto delle caratteristiche tecniche dei due avversari che giocano sul ritmo scambiando da fondo con Simon in difficoltà quando deve spingere e Djocovic che cerca di togliersi dallo scambio con la smorzata, non sempre ben calibrata, quando subisce la pressione del suo avversario. Nel sesto game Nole inizia a mettere a punto la risposta procurandosi una palla break che però vanifica con l’ennesima smorzata sulla quale Simon arriva e chiude riuscendo a tenere il servizio con quelli che sarebbero poi stati gli ultimi punti di marca francese del resto del parziale. Da quel momento infatti Djokovic smette di abusare della palla corta ed alza violentemente il ritmo degli scambi mettendo a segno un parziale di dodici punti a uno con cui chiude velocemente il primo set 6-3.

Simon riesce ad fermare l’emorragia tenendo il servizio nel primo game del secondo parziale ma Nole non cede di un millimetro e continua a tenere alta la concentrazione e la pressione da fondo incamerando facilmente il suo turno di battuta. Il serbo allunga nel terzo game salendo 40-0 sul servizio del francese che recupera, fallisce la palla del 2-1 e cede la battuta alla quarta palla break. Nole però non riesce a consolidare il vantaggio subendo l’aggressività di Simon che si riprende il break di svantaggio strappando a 15 il servizio del serbo. Nel quinto game il francese si ritrova ancora 0-40, recupera nuovamente, concede un’ulteriore palla break con un doppio fallo ma si salva alla grande e con un gran rovescio lungo linea tirato dopo uno scambio infinito si procura la palla del game che concretizza grazie ad un errore clamoroso di dritto del serbo. La situazione si capovolge nel gioco successivo con il francese che strappa il servizio a Nole tenendo bene gli estenuanti scambi da fondo a cui lo sottopone il serbo che alla fine però sbaglia e lo fa sempre con il dritto. Dal 4-2 i rispettivi servizi portano al 6-3 finale in favore del Simon su cui pesano i 17 errori gratuiti commessi da Djokovic.

Terzo set senza nulla da segnalare con i primi game di grande equilibrio al servizio e lunghissimi scambi a scandire il ritmo. La svolta arriva nel quinto game con Nole al servizio in vantaggio 40-15. Simon infila quattro punti consecutivi in serie una volèe tirata fuori dalle stringhe, un rovescio lungo linea vincente, un pallonetto al volo, al termine di uno scambio incredibile in cui entrambi hanno fallito il colpo del ko, con cui si procura la palla break su cui Nole affossa il rovescio in rete. Dopo il cambio di campo però il francese paga le energie spese e restituisce il break al serbo che ritrova fiducia e tiene il servizio salendo 4-3. La palla passa a Simon che non cede e, anzi, trova la forza e la lucidità per strappare nuovamente il servizio a Djokovic. Il braccio però trema e il francese non riesce a chiudere commettendo tre errori con il rovescio. Nole tiene il suo servizio e tocca a Simon servire per arrivare al tie-break. La palla pesa e si gioca solo con i nervi che alla fine tradiscono il francese e premiano il serbo.